Cromo

Area Stampa

CONFERENZA DELLE REGIONI: AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE DELLE LINEE GUIDA RIAPERTURA

25/05/2020

CONFERENZA DELLE REGIONI: AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONE DELLE LINEE GUIDA RIAPERTURA

Nelle sedute del 22 e 25 maggio 2020, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato, con il supporto degli uffici di prevenzione dei Dipartimenti di Sanità pubblica e all'unanimità (ai sensi dell'art. 1 comma 14 del decreto-legge n. 33/2020), l'aggiornamento e l'integrazione alle “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive”.

Con particolare riguardo alla Scheda relativa al COMMERCIO AL DETTAGLIO, grazie all'intervento della Confcommercio e di un grande lavoro di Sistema che ha visto in prima linea Federazione Moda Italia, sono state accolte importanti modifiche relative alla messa a disposizione dei guanti monouso in caso di vendita di abbigliamento e all'esclusione della funzione di ricircolo dell'aria negli impianti di condizionamento.

I nuovi punti 5 e 9, che recepiscono in toto le nostre richieste, sono così formulati nel nuovo testo approvato dalla Conferenza delle Regioni:
• Nel caso di acquisti con scelta in autonomia e manipolazione del prodotto da parte del cliente, dovrà essere resa OBBLIGATORIA la disinfezione delle mani prima della manipolazione della merce. IN ALTERNATIVA, dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente.
• Favorire il ricambio d'aria negli ambienti interni. Per gli impianti di condizionamento, è OBBLIGATORIO, SE TECNICAMENTE POSSIBILE, ESCLUDERE totalmente la funzione di RICIRCOLO D'ARIA; SE CIO' NON FOSSE TECNICAMENTE POSSIBILE, vanno RAFFORZATE ulteriormente le misure per il ricambio d'aria naturale e in ogni caso va garantita la PULIZIA, ad impianto fermo, dei FILTRI DELL'ARIA di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati, secondo le indicazioni tecniche di cui al documento dell'Istituto Superiore di Sanità.

La versione aggiornata delle “Linee guida” della Conferenza delle Regioni è stata inviata al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro della Salute, Roberto Speranza e al Ministro per gli Affari Regionali. Francesco Boccia, perché si possa procedere all'aggiornamento del DPCM del 17 maggio 2020 ai fini della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, anche per un coerente coordinamento dei testi.


NE ATTENDIAMO QUINDI LA PUBBLICAZIONE IN DPCM PER L'AGGIORNAMENTO NORMATIVO.

VIDEO TUTORIAL RIPARTENZA FEDERAZIONE MODA ITALIA CONFCOMMERCIO

22/05/2020 11.15.16

RIAPERTURE IN SICUREZZA: VIDEO TUTORIAL FEDERAZIONE MODA ITALIA CONFCOMMERCIO

Riaprire in sicurezza è il titolo del video tutorial realizzato da Confcommercio in cui Federazione Moda Italia ha rappresentato il documento "LINEE GUIDA PER LA RIPARTENZA TRA OBBLIGHI DI LEGGE E BUONE PRASSI" per accompagnare le imprese con INFORMAZIONI TEMPESTIVE ED AUTOREVOLI e CONSIGLI PRATICI per lavorare in sicurezza e tutelare la salute dei collaboratori e dei clienti nella straordinaria emergenza da COVID-19.
 
Un prezioso manuale costantemente aggiornato con le prescrizioni del DPCM del 17 maggio 2020 ed in particolare ai contenuti di cui a:
  1. l'ALLEGATO 12: "Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali
  2. l'ALLEGATO 17 - "Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020", con particolare riguardo alla scheda sul COMMERCIO AL DETTAGLIO, con i provvedimenti assunti di conseguenza dalle singole Regioni. Nel video vengonio illustrati i contenuti del documento utili per la riapertura in sicurezza dei negozi di moda, passando dalle "Cose da sapere" alle "Cose da fare", con informazioni pratiche su pulizie, igienizzazioni, sanificazioni periodiche, prove e resi dei prodotti, accompagnati dalla cartellonistica necessaria per la corretta informazione, da una check list di autocontrollo sul rispetto delle presrizioni del Protocollo del 24 aprile 2020 sottoscritto da Confcommercio con le Organizzazioni sindacali dei lavoratori e da una check list di sintesi del DPCM 17 maggio 2020.

Il documento si chiude con la Circolare n. 22 del 20 maggio 2020 dell'INAIL sulle responsabilità del datore di lavoro.

La Scuola di Sistema Confcommercio ha predisposto un programma di video informativi, consultabili e scaricabili dal sito confederale con l'introduzione di Guido Lazzarelli, Responsabile del settore lavoro, contrattazione e relazioni sindacali di Confcommercio; di Massimo Torti, Segretario Generale di Federazione Moda Italia e Steven Tranquilli, Direttore di Federpreziosi. Seguono i tutorial messi a disposizione da AIFOS dal tema “Coronavirus:in 3 minuti” – “Il corretto lavaggio delle mani” e infine “Igiene vertebrale per smartworker”: 9 pillole con esercizi di postura per chi lavora da casa”.

N.B. Per visualizzare l'intervento dedicato alle imprese della moda del Segretario Generale di Federazione Moda Italia, Massimo Torti, è necessario scorrere al video numero 2/14
 

"> 

 
DECRETO RILANCIO: COMUNICATO STAMPA DI FEDERAZIONE MODA ITALIA

20/05/2020 16.50.07

DECRETO RILANCIO: COMUNICATO STAMPA DI FEDERAZIONE MODA ITALIA

DECRETO RILANCIO: BENE COME PRIME RISPOSTE, MA ATTENZIONE ALLA BUROCRAZIA.

Renato Borghi (Federazione Moda Italia-Confcommercio): “Ora il settore ha bisogno di una risposta positiva all'emendamento sulla svalutazione dei magazzini”

“Eppur si muove – afferma Renato Borghi, Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio – a seguito della pubblicazione del Decreto ‘Rilancio'. È un dubbio che resiste a tutte le rassicurazioni che ci vengono date dal Governo in merito a questo provvedimento che fornisce sicuramente risposte alle nostre richieste, a partire dalla soppressione delle clausole di salvaguardia che avrebbero fatto scattare l'aumento dell'IVA nel 2021; ma soprattutto per i contributi a fondo perduto per le imprese, come le nostre, con ricavi inferiori a 5 milioni di euro e, questa volta, speriamo senza burocrazia; l'annullamento del versamento del saldo 2019 e della prima rata di acconto dell'IRAP; l'estensione temporale e delle tipologie di immobili ad uso non abitativo del credito d'imposta del 60% sui canoni di locazione oltre che del 30% all'affitto d'azienda; la proroga dei versamenti contributivi e fiscali al 16 settembre; l'estensione della cassa integrazione in deroga ed anche l'attenzione che avevamo chiesto per i pagamenti degli avvisi bonari; per finire con la piccola concessione dell'indennizzo di 600 euro passato a 1000 per il mese di maggio. Mi pare che sia eccessivo il termine di ‘rilancio' – continua Borghi – perché, per rilanciare la nostra economia, serve una visione di medio-lungo periodo: necessita far ripartire lavori pubblici e occorrono innovazione, sburocratizzazione, infrastrutture e una vera riforma fiscale, come da tempo chiede il Presidente Sangalli. Meglio sarebbe definirlo ‘Decreto Sussistenza'. Abbiamo aperto in sicurezza i nostri negozi ma sappiamo bene che lavoreremo a lungo con il freno a mano tirato e sarà impossibile recuperare le perdite dovute a due mesi e mezzo di stop. Serve, ora più che mai, un'attenzione delle Istituzioni al settore moda, dopo che si sono dimenticate di noi nell'elenco dell'art. 61 del Decreto ‘Cura Italia'. Speriamo – conclude Borghi che le Camere diano finalmente un forte segnale, accogliendo il nostro emendamento sulla svalutazione dei magazzini, con la concessione di un credito d'imposta del 60% ai prodotti rimasti invenduti causa covid-19. Questo sì che sarebbe un importante segnale di attenzione ai 115 mila punti vendita della moda che danno lavoro a 313 mila addetti e che, con resilienza, sacrificio e grande senso di responsabilità, hanno riaperto le attività non avendo perduto il desiderio di fare impresa”.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
YAHOO: https://it.finance.yahoo.com/notizie/dl-rilancio-federazione-moda-italia-bene-come-prime-152626411.html
 
 
 
ANSA: ROMA, 20 MAG - "Eppur si muove". Così Renato Borghi,  Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio commenta la  pubblicazione del decreto Rilancio, giudicando "eccessivo" il  termine 'rilancio' "perché, per rilanciare la nostra economia,  serve una visione di medio-lungo periodo".     Necessario, secondo Borghi, "far ripartire lavori pubblici e  occorrono innovazione, sburocratizzazione, infrastrutture e una  vera riforma fiscale, come da tempo chiede il Presidente  Sangalli. Meglio sarebbe definirlo 'Decreto Sussistenza'.  Abbiamo aperto in sicurezza i nostri negozi - conclude - ma  sappiamo bene che lavoreremo a lungo con il freno a mano tirato  e sarà impossibile recuperare le perdite dovute a due mesi e  mezzo di stop. Serve, ora più che mai, un'attenzione delle  Istituzioni al settore moda, dopo che si sono dimenticate di noi  nell'elenco dell'art. 61 del Decreto 'Cura Italia'. Speriamo che  le Camere diano finalmente un forte segnale, accogliendo il  nostro emendamento sulla svalutazione dei magazzini, con la  concessione di un credito d'imposta del 60% ai prodotti rimasti  invenduti causa covid-19. Questo sì che sarebbe un importante  segnale di attenzione ai 115 mila punti vendita della moda che  danno lavoro a 313 mila addetti e che, con resilienza,  sacrificio e grande senso di responsabilità, hanno riaperto le  attività non avendo perduto il desiderio di fare impresa".  (ANSA).       OM  20-MAG-20 17:33 NNN
 
AGI: Dl Rilancio: Federazione Moda, serve attenzione a settore = (AGI) - Roma, 20 mag. - "Mi pare che sia eccessivo il termine  di 'rilancio' perche', per rilanciare la nostra economia, serve  una visione di medio-lungo periodo: necessita far ripartire  lavori pubblici e occorrono innovazione, sburocratizzazione,  infrastrutture e una vera riforma fiscale. Meglio sarebbe  definirlo 'Decreto Sussistenza'. Lo afferma in una nota Renato  Borghi, Presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio in  riferimento al Dl Rilancio, sottolineando che se da un lato il  provvedimento "fornisce sicuramente risposte alle nostre  richieste", "serve, ora piu' che mai, un'attenzione delle  istituzioni al settore moda, dopo che si sono dimenticate di  noi nell'elenco dell'art. 61 del Decreto Cura Italia". (AGI)  Tri (Segue)  201723 MAG 20  NNN
Dl Rilancio: Federazione Moda, serve attenzione a settore (2)=
(AGI) - Roma, 20 mag. - "Speriamo - prosegue - che le Camere  diano finalmente un forte segnale, accogliendo il nostro  emendamento sulla svalutazione dei magazzini, con la  concessione di un credito d'imposta del 60% ai prodotti rimasti  invenduti causa covid-19. Questo si' che sarebbe un importante  segnale di attenzione ai 115 mila punti vendita della moda che  danno lavoro a 313 mila addetti e che, con resilienza,  sacrificio e grande senso di responsabilita', hanno riaperto le  attivita' non avendo perduto il desiderio di fare impresa".  (AGI)  Tri  201723 MAG 20  NNN   - - - - - - 
ASKANEWS: Dl Rilancio, Federazione Moda Italia: bene come prime risposte "Ma attenzione alla burocrazia"  Roma, 20 mag. (askanews) - "Eppur si muove". Così Renato Borghi, presidente della Federazione Moda Italia-Confcommercio, commenta la la pubblicazione del Dl Rilancio. "È un dubbio che resiste a tutte le rassicurazioni che ci vengono date dal Governo - aggiunge - in merito a questo provvedimento che fornisce sicuramente risposte alle nostre richieste, a partire dalla soppressione delle clausole di salvaguardia che avrebbero fatto scattare l'aumento dell'Iva nel 2021; ma soprattutto per i contributi a fondo perduto per le imprese, come le nostre, con ricavi inferiori a 5 milioni di euro e, questa volta, speriamo senza burocrazia; l'annullamento del versamento del saldo 2019 e della prima rata di acconto dell'Irap; l'estensione temporale e delle tipologie di immobili ad uso non abitativo del credito d'imposta del 60% sui canoni di locazione oltre che del 30% all'affitto d'azienda; la proroga dei versamenti contributivi e fiscali al 16 settembre; l'estensione della cassa integrazione in deroga ed anche l'attenzione che avevamo chiesto per i pagamenti degli avvisi bonari; per finire con la piccola concessione dell'indennizzo di 600 euro passato a 1000 per il mese di maggio".  "Mi pare che sia eccessivo il termine di 'rilancio' - continua Borghi - perché, per rilanciare la nostra economia,serve una visione di medio-lungo periodo: necessita far ripartire lavori pubblici e occorrono innovazione, sburocratizzazione, infrastrutture e una vera riforma fiscale, come da tempo chiede il Presidente Sangalli. Meglio sarebbe definirlo 'Decreto Sussistenza'. Abbiamo aperto in sicurezza i nostri negozi - conclude Borghi - ma sappiamo bene che lavoreremo a lungo con il freno a mano tirato e sarà impossibile recuperare le perdite dovute a due mesi e mezzo di stop. Serve, ora più che mai, un'attenzione delle Istituzioni al settore moda, dopo che si sono dimenticate di noi nell'elenco dell'art. 61 del Decreto 'Cura Italia'. Speriamo che le Camere diano finalmente un forte segnale, accogliendo il nostro emendamento sulla svalutazione dei magazzini, con la concessione di un credito d'imposta del 60% ai prodotti rimasti invenduti causa covid-19. Questo sì che sarebbe un importante segnale di attenzione ai 115 mila punti vendita della moda che danno lavoro a 313 mila addetti e che, con resilienza, sacrificio e grande senso di responsabilità, hanno riaperto le attività non avendo perduto il desiderio di fare impresa".  Sen 20200520T172433Z
Italpress, mercoledì 20 maggio 2020
 
ITALPRESS: DL RILANCIO: BORGHI "BENE PRIME RISPOSTE, ATTENZIONE A BUROCRAZIA" ZCZC IPN 659  ECO --/T   DL RILANCIO: BORGHI "BENE PRIME RISPOSTE, ATTENZIONE A BUROCRAZIA"  ROMA (ITALPRESS) - "Eppur si muove a seguito della pubblicazione  del Dl rilancio. E' un dubbio che resiste a tutte le  rassicurazioni che ci vengono date dal Governo in merito a questo  provvedimento che fornisce sicuramente risposte alle nostre  richieste, a partire dalla soppressione delle clausole di  salvaguardia, ma soprattutto per i contributi a fondo perduto per  le imprese, come le nostre, con ricavi inferiori a 5 milioni e,  questa volta, speriamo senza burocrazia". Cosi' Renato Borghi,  presidente di Federazione Moda Italia-Confcommercio, ricordando  anche "l'annullamento del versamento del saldo 2019 e della prima  rata di acconto dell'Irap; l'estensione temporale e delle  tipologie di immobili ad uso non abitativo del credito d'imposta  del 60% sui canoni di locazione oltre che del 30% all'affitto  d'azienda; la proroga dei versamenti contributivi e fiscali al 16  settembre; l'estensione della cassa integrazione in deroga ed  anche l'attenzione che avevamo chiesto per i pagamenti degli  avvisi bonari; per finire con la piccola concessione  dell'indennizzo di 600 euro passato a 1.000 per il mese di  maggio".   (ITALPRESS) - (SEGUE).  ads/com  20-Mag-20 17:47  NNNN
DECRETO LEGGE RILANCIO: PRIMO SCHEMA DI SINTESI AGGIORNATO

20/05/2020 11.43.22

DECRETO LEGGE RILANCIO: PRIMO SCHEMA DI SINTESI AGGIORNATO

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica - Serie Generale n. 128 del 19 maggio 2020, Supplemento Ordinario n. 21, è stato pubblicato il Decreto Legge n. 34 del 19 maggio 2020 (c.d. Decreto "Rilancio"), contenente "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonche' di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19".

Il Decreto "Rilancio" si compone di 266 articoli e stanzia 55 miliardi di euro per interventi destinati a famiglie, lavoratori e aziende per uscire dalla crisi economica a seguito dell'emergenza Covid-19.

Si inoltra una prima estrema sintesi delle misure di particolare interesse per le nostre imprese contenute nel Decreto Legge "Rilancio" con i relativi articoli di riferimento.

RESPONSABILITÀ DEGLI OPERATORI COMMERCIALI – CIRCOLARE INAIL N. 22 DEL 20 MAGGIO 2020

20/05/2020

RESPONSABILITA' DEGLI OPERATORI COMMERCIALI: CIRCOLARE INAIL N 22 DEL 20 MAGGIO 2020

Con la Circolare n. 22 del 20 maggio 2020 avente ad oggetto "Tutela infortunistica nei casi accertati di infezione da coronavirus (SARS- CoV-2) in occasione di lavoro. Decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19” - Articolo 42 comma 2, convertito dalla legge 24 aprile 2020, n. 27. Chiarimenti", l'INAIL ha chiarito che:
  1. l'infezione da SARS-Cov-2, come accade per tutte le infezioni da agenti biologici se contratte in occasione di lavoro, è tutelata dall'Inail quale infortunio sul lavoro e ciò anche nella situazione eccezionale di pandemia causata da un diffuso rischio di contagio in tutta la popolazione. 
  2. In secondo luogo, l'indennità per inabilità temporanea assoluta copre anche il periodo di quarantena o di permanenza domiciliare fiduciaria (ovviamente sempre che il contagio sia riconducibile all'attività lavorativa), con la conseguente astensione dal lavoro.
  3. In terzo luogo, gli oneri degli eventi infortunistici del contagio non incidono sull'oscillazione del tasso medio per andamento infortunistico, ma sono posti carico della gestione assicurativa nel suo complesso, a tariffa immutata, e quindi non comportano maggiori oneri per le imprese.

 

Nella Circolare n. 22 del 20 maggio 2020 è indicato che la responsabilità del datore di lavoro è ipotizzabile solo in caso di violazione della legge o di obblighi derivanti dalle conoscenze sperimentali o tecniche, che nel caso dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 si possono rinvenire nei protocolli e nelle linee guida governativi e regionali di cui all'articolo 1, comma 14 del decreto legge 16 maggio 2020, n.33.
 
Il rispetto delle misure di contenimento, se sufficiente a escludere la responsabilità civile del datore di lavoro, non è certo bastevole per invocare la mancata tutela infortunistica nei casi di contagio da Sars-Cov-2, non essendo possibile pretendere negli ambienti di lavoro il rischio zero. Circostanza questa che ancora una volta porta a sottolineare l'indipendenza logico-giuridica del piano assicurativo da quello giudiziario.
In assenza di una comprovata violazione, da parte del datore di lavoro, pertanto, delle misure di contenimento del rischio di contagio di cui ai protocolli o alle linee guida di cui all'articolo 1, comma 14, del decreto-legge 16 maggio 2020, n.33, sarebbe molto arduo ipotizzare e dimostrare la colpa del datore di lavoro.
Benchè questa Circolare sembra voler fugare i dubbi sulle responsabilità del datore di lavore, rimane imprescindibile ottenere maggiore chiarezza anche sul Decreto Legge “Cura Italia”.
FIRMATO IL DPCM DEL 17 MAGGIO 2020

17/05/2020 19.53.05

RIAPERTURA DEI NEGOZI: PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DPCM DEL 17 MAGGIO 2020

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica - Serie Generale n. 126 del 17 maggio 2020, è stato pubblicato il Dpcm del 17 maggio 2020 recante le misure per il contenimento dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, in vigore dal 18 maggio.
 
In particolare, per il dettaglio moda, si segnalano le seguenti disposizioni ed i relativi Allegati di riferimento:
 
Art. 1 - Misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale
Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 sull'intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure:
...
dd) le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato, oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all'interno dei locali più del tempo necessario all'acquisto dei beni; le suddette attività devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali e comunque in coerenza con i criteri di cui all'allegato 10. Si raccomanda altresì l'applicazione delle misure di cui all'allegato 11;
...
 
Art. 2 - Misure di contenimento del contagio per lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive industriali e commerciali
 
1. Sull'intero territorio nazionale tutte le attività produttive industriali e commerciali, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 1, rispettano i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali di cui all'allegato 12, nonché, per i rispettivi ambiti di competenza, il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del covid-19 nei cantieri, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e le parti sociali, di cui all'allegato 13, e il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del covid-19 nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20 marzo 2020, di cui all'allegato 14.
 
Art. 3 - Misure di informazione e prevenzione sull'intero territorio nazionale
1. Sull'intero territorio nazionale si applicano altresì le seguenti misure:
...
d) i sindaci e le associazioni di categoria promuovono la diffusione delle informazioni sulle misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all'allegato 16 anche presso gli esercizi commerciali;
 
 
ALLEGATI di riferimento:
 
Allegato 10: Criteri per Protocolli di settore elaborati dal Comitato tecnico-scientifico in data 15 maggio 2020
 
Nel premettere che le raccomandazioni di carattere sanitario del Comitato tecnico-scientifico (CTS) sono basate sullo stato attuale delle evidenze epidemiologiche e scientifiche e sono passibili di aggiornamento in base all'evoluzione del quadro epidemiologico e delle conoscenze, le stesse hanno la finalità di fornire al decisore politico indicazioni utili al contenimento dell'epidemia da SARSCoV-2.  La realtà epidemiologica, produttiva, sociale ed organizzativa del Paese nonchè i fattori rilevanti nel determinare la dinamica dell'epidemia da SARS-CoV-2 (es. trasporti, densità abitativa, servizi sanitari e sociali) differiscono e potranno differire significativamente nel corso dell'epidemia nelle diverse aree del paese, sia su base regionale che provinciale. In questa prospettiva e considerata la specificità tecnico organizzativa delle richieste e dei documenti provenienti dai diversi ministeri, il CTS individua il proprio compito specifico nella espressione di raccomandazioni generali di tipo sanitario sulle misure di prevenzione e contenimento rimandando ai diversi proponenti ed alle autorità locali competenti la scelta più appropriata della declinazione di indirizzo ed operativa sulla base della più puntuale conoscenza degli aspetti tecnico organizzativi negli specifici contesti. In ogni caso è essenziale che a livello nazionale, regionale e locale vi sia una valutazione puntuale del possibile impatto in termini di circolazione del virus SARS-CoV-2 delle diverse azioni, così da contenere la circolazione del virus al livello più basso possibile.  In tale contesto, relativamente alle ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive in vista della graduale riapertura, sono stati predisposti su richiesta dei ministeri competenti documenti tecnici e pareri per alcuni settori di maggiore complessità, finalizzati a supportare il processo decisionale con elementi di analisi e proposte di soluzioni tecnico-organizzative che necessariamente devono trovare poi una modulazione contestualizzata a livello regionale e locale con il coinvolgimento delle autorità competenti. Al fine di garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e dell'utenza coinvolta nelle attività produttive è necessario che i principi di declinazione di protocolli condivisi di settore tengano conto della coerenza con la normativa vigente, incluso il “Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” aggiornato al 24 aprile 2020
 
I principi cardine che hanno informato ed informano le scelte e gli indirizzi tecnici sono: 
1. il distanziamento sociale: mantenendo una distanza interpersonale non inferiore al metro; 
2. la rigorosa igiene delle mani, personale e degli ambienti; 
3. la capacità di controllo e risposta dei servizi sanitari della sanità pubblica territoriale ed ospedaliera. 
 
Per garantire a tutti la possibilità del rispetto di tali principi è necessario prevedere specifiche misure di sistema, organizzative, di prevenzione e protezione, igieniche e comunicativedeclinate sullo specifico contesto produttivo e di vita sociale, tenendo presente i seguenti criteri anche facendo riferimento ai documenti di indirizzo prodotti da ISS e INAIL: 
  1. Il rischio di aggregazione e affollamento e la possibilità di prevenirlo in maniera efficace nelle singole realtà e nell'accesso a queste; 
  2. La prossimità delle persone (es. lavoratori, utenti, ecc.) rispetto a contesti statici (es. persone tutte ferme in postazioni fisse), dinamici (persone in movimento) o misti (contemporanea presenza di persone in posizioni fisse e di altre in movimento); 
  3. L'effettiva possibilità di mantenere la appropriata mascherina da parte di tutti nei contesti raccomandati; 
  4. Il rischio connesso alle principali vie di trasmissione (droplet e contatto) in particolare alle contaminazioni da droplet in relazione alle superfici di contatto; 
  5. La concreta possibilità di accedere alla frequente ed efficace igiene delle mani; 
  6. L'adeguata aereazione negli ambienti al chiuso; 
  7. L'adeguata pulizia ed igienizzazione degli ambienti e delle superfici; 
  8. La disponibilità di una efficace informazione e comunicazione. 
La capacità di promuovere, monitorare e controllare l'adozione delle misure definendo i conseguenti ruoli.
 
Allegato 11: Misure per gli esercizi commerciali
  1. Mantenimento in tutte le attività e le loro fasi del distanziamento interpersonale. 
  2. Garanzia di pulizia e igiene ambientale con frequenza almeno due volte giorno ed in funzione dell'orario di apertura.
  3. Garanzia di adeguata aereazione naturale e ricambio d'aria. 
  4. Ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per la disinfezione delle mani. In particolare, detti sistemi devono essere disponibili accanto a tastiere, schermi touch e sistemi di pagamento. 
  5. Utilizzo di mascherine nei luoghi o ambienti chiusi e comunque in tutte le possibili fasi lavorative laddove non sia possibile garantire il distanziamento interpersonale. 
  6. Uso dei guanti "usa e getta" nelle attività di acquisto, particolarmente per l'acquisto di alimenti e bevande. 
  7. Accessi regolamentati e scaglionati secondo le seguenti modalità:  a) attraverso ampliamenti delle fasce orarie;  b) per locali fino a quaranta metri quadrati può accedere una persona alla volta, oltre a un massimo di due operatori;  c) per locali di dimensioni superiori a quelle di cui alla lettera b), l'accesso è regolamentato in funzione degli spazi disponibili, differenziando, ove possibile, i percorsi di entrata e di uscita.
  8. Informazione per garantire il distanziamento dei clienti in attesa di entrata. 

Allegato 12: Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali
 
Allegato 16: Misure igienico-sanitarie
  1. lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
  2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. evitare abbracci e strette di mano; 
  4. mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro;
  5. praticare l'igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie); 
  6. evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva; 
  7. non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; 
  8. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; 
  9. non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  10. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  11. è fortemente raccomandato in tutti i contatti sociali, utilizzare protezioni delle vie respiratorie come misura aggiuntiva alle altre misure di protezione individuale igienico-sanitarie. 

Allegato 17- Linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome del 16 maggio 2020

 LE REGIONI STANNO PUBBLICANDO I PROVVEDIMENTI REGIONALI DI RIFERIMENTO

 

SI ALLEGA IL VOLANTINO DI FEDERAZIONE MODA ITALIA AGGIORNATO AL DPCM 17 MAGGIO 2020

LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIAPERTURA DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

16/05/2020 09.06.42

LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIAPERTURA DELLE ATTIVITA' ECONOMICHE

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato il 15 maggio 2020 le "Linee di indirizzo per la riapertura delle Attività Economiche, Produttive e Ricreative" che si pongono in continuità con le indicazioni di livello nazionale. In particolare con il protocollo condiviso tra le parti sociali del 24 aprile 2020, approvato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 26 aprile 2020, nonché con i criteri guida generali di cui ai documenti tecnici prodotti da INAIL e Istituto Superiore di Sanità con il principale obiettivo di ridurre il rischio di contagio per i singoli e per la collettività in tutti i settori produttivi ed economici.

Il documento approvato contiene schede che riassumono “le diverse misure di prevenzione e contenimento riconosciute a livello scientifico per contrastare la diffusione del contagio, tra le quali: norme comportamentali, distanziamento sociale e contact tracing”. Le misure contenute nelle schede possano essere rimodulate, anche in senso più restrittivo, in relazione all'evoluzione dello scenario epidemiologico.
 
Per quanto riguarda il dettaglio MODA, ecco la SCHEDA DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO
  1.  Predisporre una adeguata informazione sulle misure di prevenzione.
  2. In particolar modo per supermercati e centri commerciali, potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l'accesso in caso di temperatura > 37,5 °C.
  3. Prevedere regole di accesso, in base alle caratteristiche dei singoli esercizi, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti.
  4. Garantire un'ampia disponibilità e accessibilità a sistemi per l'igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche, promuovendone l'utilizzo frequente da parte dei clienti e degli operatori.
  5. In caso di VENDITA DI ABBIGLIAMENTO: dovranno essere messi a disposizione della clientela guanti monouso da utilizzare obbligatoriamente per scegliere in autonomia, toccandola, la merce.
  6. I clienti devono sempre indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti.
  7. L'addetto alla vendita deve procedere ad una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche (prima e dopo ogni servizio reso al cliente).
  8. Assicurare la pulizia e la disinfezione quotidiana delle aree comuni.
  9. Favorire il ricambio d'aria negli ambienti interni ed escludere totalmente, per gli impianti di condizionamento, la funzione di ricircolo dell'aria.
  10. La postazione dedicata alla cassa PUO' essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche.
 
COVID-19: NUOVO DECRETO LEGGE DEL 16 MAGGIO 2020 SU NUOVE MISURE URGENTI

16/05/2020

COVID-19: NUOVO DECRETO LEGGE N. 33 DEL 16 MAGGIO 2020 SU NUOVE MISURE URGENTI

Sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n.125 del 16 maggio 2020, è stato pubblicato il Decreto Legge n. 33 del 16 maggio 2020 che introduce ulteriori misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il decreto, entrato in vigore il 16 maggio, delinea il quadro normativo nazionale all'interno del quale, dal 18 maggio al 31 luglio 2020, con appositi decreti od ordinanze, statali, regionali o comunali, potranno essere disciplinati gli spostamenti delle persone fisiche e le modalità di svolgimento delle attività economiche, produttive e sociali.

A partire dal 18 maggio 2020, gli spostamenti delle persone all'interno del territorio della stessa regione non saranno soggetti ad alcuna limitazione.

Lo Stato o le Regioni, in base a quanto previsto dal decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, potranno adottare o reiterare misure limitative della circolazione all'interno del territorio regionale relativamente a specifiche aree interessate da un particolare aggravamento della situazione epidemiologica.

Fino al 2 giugno 2020 restano vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, così come quelli da e per l'estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

A decorrere dal 3 giugno 2020, gli spostamenti tra regioni diverse potranno essere limitati solo con provvedimenti statali adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree.

Tali norme varranno anche per gli spostamenti da e per l'estero, che potranno essere limitati solo con provvedimenti statali anche in relazione a specifici Stati e territori, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico e nel rispetto dei vincoli derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea e degli obblighi internazionali. Saranno comunque consentiti gli spostamenti tra la Città del Vaticano o la Repubblica di San Marino e le regioni confinanti.

È confermato il divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena per provvedimento dell'autorità sanitaria in quanto risultate positive al virus COVID-19, fino all'accertamento della guarigione o al ricovero in una struttura sanitaria o altra struttura allo scopo destinata.
La quarantena precauzionale è applicata con provvedimento dell'autorità sanitaria ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di soggetti positivi al virus COVID-19 e agli altri soggetti indicati con i provvedimenti adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020.

Resta vietato, l'assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Le funzioni religiose con la partecipazione di persone si svolgono nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle rispettive confessioni, contenenti le misure idonee a prevenire il rischio di contagio.


ATTIVITA' ECONOMICHE E PRODUTTIVE
A partire dal 18 maggio, le attività economiche, produttive e sociali devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida, idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome, nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali.

In assenza di quelli regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati a livello nazionale. Le misure limitative delle attività economiche e produttive possono essere adottate, nel rispetto dei principi di adeguatezza e proporzionalità, con provvedimenti statali emanati ai sensi dell'articolo 2 del decreto legge n. 19 del 2020 o, nelle more di tali provvedimenti, dalle Regioni.

Per garantire lo svolgimento in condizioni di sicurezza delle attività economiche, produttive e sociali, le regioni monitorano con cadenza giornaliera l'andamento della situazione epidemiologica nei propri territori e, in relazione a tale andamento, le condizioni di adeguatezza del sistema sanitario regionale. I dati del monitoraggio sono comunicati giornalmente dalle regioni al Ministero della salute, all'Istituto superiore di sanità e al Comitato tecnico-scientifico.

In relazione all'andamento della situazione epidemiologica sul territorio, la singola regione, informando contestualmente il Ministro della salute, può introdurre misure derogatorie, ampliative o restrittive, rispetto a quelle disposte a livello statale.


SANZIONI
Il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle linee guida regionali o, in assenza, nazionali, che non assicuri adeguati livelli di protezione, determina la sospensione dell'attività economica o produttiva fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Salvo che il fatto costituisca reato diverso da quello di cui all'articolo 650 del codice penale (“Inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità”), le violazioni delle disposizioni del decreto, o dei decreti e delle ordinanze emanati per darne attuazione, sono punite con la sanzione amministrativa di cui all'articolo 4, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020 n. 19, che prevede il pagamento di una somma da euro 400 a euro 3.000, aumentata fino a un terzo se la violazione avviene mediante l'utilizzo di un veicolo.

Nei casi in cui la violazione sia commessa nell'esercizio di un'attività di impresa, si applica altresì la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell'esercizio o dell'attività da 5 a 30 giorni. Ove necessario per impedire la prosecuzione o la reiterazione della violazione, l'autorità procedente può disporre la chiusura provvisoria dell'attività o dell'esercizio per una durata non superiore a 5 giorni, eventualmente da scomputare dalla sanzione accessoria definitivamente irrogata, in sede di sua esecuzione.

In caso di reiterata violazione della medesima disposizione:

  1. la sanzione amministrativa è raddoppiata
  2. la sanzione accessoria è applicata nella misura massima.
 
Art. 1
 
        Misure di contenimento della diffusione del COVID-19
 
  1. A decorrere dal 18 maggio 2020, cessano di avere  effetto  tutte
le misure limitative della circolazione  all'interno  del  territorio
regionale di cui agli articoli 2 e 3 del decreto-legge 25 marzo 2020,
n. 19, e tali misure possono essere adottate o  reiterate,  ai  sensi
degli stessi articoli 2 e 3, solo con riferimento a  specifiche  aree
del territorio medesimo interessate da particolare aggravamento della
situazione epidemiologica.
  2. Fino al 2 giugno 2020 sono vietati gli spostamenti, con mezzi di
trasporto pubblici e privati,  in  una  regione  diversa  rispetto  a
quella in cui attualmente ci  si  trova,  salvo  che  per  comprovate
esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute;
resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio,
abitazione o residenza.
  3. A decorrere dal 3 giugno 2020,  gli  spostamenti  interregionali
possono essere limitati solo  con  provvedimenti  adottati  ai  sensi
dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19  del  2020,  in  relazione  a
specifiche  aree  del  territorio  nazionale,  secondo  principi   di
adeguatezza   e   proporzionalita'    al    rischio    epidemiologico
effettivamente presente in dette aree.
  4. Fino al 2 giugno 2020, sono vietati gli  spostamenti  da  e  per
l'estero, con mezzi di trasporto pubblici e privati,  salvo  che  per
comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi
di salute  o  negli  ulteriori  casi  individuati  con  provvedimenti
adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19  del  2020;
resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio,
abitazione  o  residenza.  A  decorrere  dal  3  giugno   2020,   gli
spostamenti da e  per  l'estero  possono  essere  limitati  solo  con
provvedimenti adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge  n.
19 del 2020, anche  in  relazione  a  specifici  Stati  e  territori,
secondo  principi  di  adeguatezza  e  proporzionalita'  al   rischio
epidemiologico e nel rispetto dei vincoli derivanti  dall'ordinamento
dell'Unione europea e degli obblighi internazionali.
  5. Gli spostamenti tra lo Stato della  Citta'  del  Vaticano  o  la
Repubblica di San  Marino  e  le  regioni  con  essi  rispettivamente
confinanti non sono soggetti ad alcuna limitazione.
  6. E' fatto divieto di mobilita' dalla propria abitazione o  dimora
alle  persone   sottoposte   alla   misura   della   quarantena   per
provvedimento dell'autorita' sanitaria in quanto  risultate  positive
al virus  COVID-19,  fino  all'accertamento  della  guarigione  o  al
ricovero in una struttura sanitaria  o  altra  struttura  allo  scopo
destinata.
  7. La  quarantena  precauzionale  e'  applicata  con  provvedimento
dell'autorita' sanitaria ai soggetti che hanno avuto contatti stretti
con casi confermati di soggetti positivi al  virus  COVID-19  e  agli
altri  soggetti  indicati  con  i  provvedimenti  adottati  ai  sensi
dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020.
  8. E' vietato l'assembramento  di  persone  in  luoghi  pubblici  o
aperti al pubblico. Le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di
qualsiasi natura con la presenza di pubblico, ivi compresi quelli  di
carattere culturale, ludico,  sportivo  e  fieristico,  nonche'  ogni
attivita' convegnistica o congressuale, in luogo pubblico o aperto al
pubblico,  si   svolgono,   ove   ritenuto   possibile   sulla   base
dell'andamento dei dati epidemiologici, con  le  modalita'  stabilite
con  i  provvedimenti  adottati  ai   sensi   dell'articolo   2   del
decreto-legge n. 19 del 2020.
  9. Il sindaco puo' disporre la chiusura  temporanea  di  specifiche
aree pubbliche o aperte al pubblico in cui sia impossibile assicurare
adeguatamente il rispetto della distanza di sicurezza  interpersonale
di almeno un metro.
  10. Le riunioni si svolgono garantendo il rispetto  della  distanza
di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
  11. Le funzioni religiose  con  la  partecipazione  di  persone  si
svolgono nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle
rispettive confessioni contenenti le misure  idonee  a  prevenire  il
rischio di contagio.
  12. Le disposizioni di cui ai commi 7, 8, 10 e 11 sono attuate  con
provvedimenti adottati ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge  n.
19 del 2020,  che  possono  anche  stabilire  differenti  termini  di
efficacia.
  13. Le attivita' didattiche nelle scuole di ogni  ordine  e  grado,
nonche' la frequenza delle  attivita'  scolastiche  e  di  formazione
superiore,  comprese  le  Universita'  e  le  Istituzioni   di   Alta
Formazione Artistica Musicale e Coreutica,  di  corsi  professionali,
master, corsi per le professioni sanitarie e universita' per anziani,
nonche' i corsi professionali e  le  attivita'  formative  svolte  da
altri enti pubblici,  anche  territoriali  e  locali  e  da  soggetti
privati,  sono  svolte  con  modalita'  definite  con   provvedimento
adottato ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020.
  14. Le attivita' economiche, produttive e sociali devono  svolgersi
nel rispetto dei contenuti di  protocolli  o  linee  guida  idonei  a
prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento
o in ambiti analoghi, adottati dalle regioni o dalla Conferenza delle
regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti
nei protocolli o nelle linee guida nazionali. In  assenza  di  quelli
regionali trovano applicazione i protocolli o le linee guida adottati
a livello nazionale. Le misure limitative delle attivita' economiche,
produttive e  sociali  possono  essere  adottate,  nel  rispetto  dei
principi di adeguatezza e proporzionalita', con provvedimenti emanati
ai sensi dell'articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020 o del comma
16.
  15. Il mancato rispetto dei contenuti dei protocolli o delle  linee
guida, regionali, o, in assenza, nazionali, di cui al  comma  14  che
non assicuri adeguati livelli di protezione determina la  sospensione
dell'attivita' fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.
  16. Per garantire lo svolgimento in condizioni di  sicurezza  delle
attivita' economiche, produttive e sociali, le regioni monitorano con
cadenza giornaliera l'andamento della situazione  epidemiologica  nei
propri territori e, in relazione a tale andamento, le  condizioni  di
adeguatezza del sistema sanitario regionale. I dati del  monitoraggio
sono comunicati giornalmente dalle regioni al Ministero della salute,
all'Istituto superiore di sanita' e al  comitato  tecnico-scientifico
di cui all'ordinanza  del  Capo  del  dipartimento  della  protezione
civile del 3 febbraio 2020, n. 630, e  successive  modificazioni.  In
relazione   all'andamento   della   situazione   epidemiologica   sul
territorio, accertato secondo i criteri  stabiliti  con  decreto  del
Ministro  della  salute  del  30  aprile   2020   e   sue   eventuali
modificazioni, nelle more dell'adozione dei  decreti  del  Presidente
del Consiglio dei ministri di cui all'articolo 2 del decreto-legge n.
19 del 2020, la Regione, informando contestualmente il Ministro della
salute, puo' introdurre misure derogatorie, ampliative o restrittive,
rispetto a quelle disposte ai sensi del medesimo articolo 2.
Art. 2
 
                        Sanzioni e controlli
 
  1. Salvo che il fatto costituisca reato diverso da  quello  di  cui
all'articolo 650 del codice penale, le violazioni delle  disposizioni
del presente decreto, ovvero dei decreti e delle ordinanze emanati in
attuazione  del  presente  decreto,  sono  punite  con  la   sanzione
amministrativa di cui all'articolo 4, comma 1, del  decreto-legge  25
marzo 2020, n. 19.  Nei  casi  in  cui  la  violazione  sia  commessa
nell'esercizio di un'attivita' di impresa,  si  applica  altresi'  la
sanzione amministrativa accessoria della  chiusura  dell'esercizio  o
dell'attivita' da 5 a 30 giorni.
  2. Per l'accertamento delle violazioni e  il  pagamento  in  misura
ridotta si applica l'articolo 4, comma 3, del decreto-legge n. 19 del
2020.  Le  sanzioni  per  le  violazioni  delle  misure  disposte  da
autorita' statali sono irrogate dal  Prefetto.  Le  sanzioni  per  le
violazioni delle misure disposte da autorita' regionali e locali sono
irrogate  dalle   autorita'   che   le   hanno   disposte.   All'atto
dell'accertamento delle violazioni di  cui  al  secondo  periodo  del
comma  1,  ove  necessario  per  impedire  la   prosecuzione   o   la
reiterazione della violazione, l'autorita' procedente  puo'  disporre
la chiusura  provvisoria  dell'attivita'  o  dell'esercizio  per  una
durata non superiore a 5 giorni. Il periodo di  chiusura  provvisoria
e'    scomputato    dalla    corrispondente    sanzione    accessoria
definitivamente irrogata, in sede  di  sua  esecuzione.  In  caso  di
reiterata  violazione  della  medesima   disposizione   la   sanzione
amministrativa e' raddoppiata e quella accessoria e' applicata  nella
misura massima.
  3. Salvo che il fatto costituisca violazione dell'articolo 452  del
codice penale o comunque piu' grave reato, la violazione della misura
di cui all'articolo 1, comma 6, e' punita ai sensi dell'articolo  260
del regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265.
Art. 3
 
                         Disposizioni finali
 
  1. Le misure di cui al presente decreto si applicano dal 18  maggio
2020 al 31 luglio  2020,  fatti  salvi  i  diversi  termini  previsti
dall'articolo 1.
  2. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle Regioni a
statuto speciale e alle Province autonome  di  Trento  e  di  Bolzano
compatibilmente con i rispettivi  statuti  e  le  relative  norme  di
attuazione.
  3. Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o
maggiori oneri a carico della finanza pubblica e  le  amministrazioni
interessate provvedono alle attivita' ivi previste mediante  utilizzo
delle  risorse  umane,  strumentali  e  finanziarie   disponibili   a
legislazione vigente.