Cromo
< torna alla lista
RENATO BORGHI ALLO SHOPPING TOURISM: MADE IN ITALY E BELLEZZA DEL TERRITORIO LA NOSTRA CARTA VINCENTE

27/11/2017 16.06.32

RENATO BORGHI ALLO SHOPPING TOURISM: MADE IN ITALY E BELLEZZA DEL TERRITORIO LA NOSTRA CARTA VINCENTE

Il 24 novembre si è tenuto a Roma Shopping Tourism, forum italiano ideato da Risposte Turismo per sostenere lo sviluppo del turismo dello shopping in Italia e contribuire alla sua conoscenza. Dalla ricerca "Shopping Tourism Italian Monitor", presentata nell'ambito dell'evento, emerge che ogni anno a Firenze, Milano, Roma, Torino e Venezia i "turisti per shopping" spendono in media 110 euro a testa al giorno. Il capoluogo lombardo è nettamente il preferito, mentre ad essere acquistato è soprattutto l'abbigliamento (60%) seguito da accessori e pelletteria (17,3%) e cosmetica e profumeria (3,6%). Ad inaugurare "Shopping Tourism" è stato Renato Borghi, Vice Presidente di Confcommercio e Presidente di Federazione Moda Italia, che ha sottolineato che "Il turismo produce l'11% Pil, dà lavoro a due milioni di persone e assicurerà insieme ai servizi il surplus di crescita per il nostro Paese. Il 50% delle spese extra dei turisti va allo shopping, ciò che assicura un legame forte con il commercio. E l'Italia da questo punto di vista è un unicum, perché coniuga pluralismo distributivo - dagli outlet ai negozi multibrand alle botteghe artigiane - e bellezza del territorio". A seguire Luca Patané, Presidente di Confturismo, ha detto che "Lo shopping è sempre stato uno dei grandi motori del turismo, spesso non evidenziato: va tirato fuori evidenziando la sua grande forza propulsiva per il settore. Nel turismo ci sono territori sconfinati, oggi ciò che ci manca è più internazionalizzazione, dobbiamo crescere come presenza all'estero anche per aumentare l'interesse per il nostro Made in Italy. E spingere forte anche sul digitale, che può assicurare un futuro a molti di noi". Nel corso dell'evento è intervenuto anche il Segretario Generale di Federazione Moda Italia, Massimo Torti, nell'ambito di una tavola rotonda su “Lo shopping tourism in Italia: la necessita' di una vision”, dedicata ad approfondire e analizzare le diverse formule di shopping tourism in Italia per formula, obiettivi, localizzazione: “C'è una stretta relazione tra turismo e dettaglio Moda in Italia. Gli stranieri acquistano perché vogliono portare a casa il lifestyle italiano e sono stimolati se spendono i loro soldi per qualcosa che sa anche regalare un'esperienza emozionale. Su questo, Federazione Moda Italia sta investendo con corsi di formazione su “Vendere alle diverse culture nel fashion retail e con la diffusione dello “Slang della Moda” un piccolo dizionario con i termini tipici della moda in italiano, inglese, francese, russo e cinese. Promozione e sostegno dei Negozi Storici, il limite del contante abbassato a 10 mila euro per gli stranieri extra UE, l'abbassamento della soglia per il tax free e la promozione, in occasione dell'anno dedicato al Turismo Slow nel 2019, di un evento come lo Small Business Saturday, come avanzato dal Presidente di Federazione Moda Italia, Renato Borghi, nell'Assemblea della Federazione del 20 novembre a Bologna, i temi a noi cari”.

Maggiori informazioni ed il Video dell'evento sono a disposizione su http://www.confcommercio.it/-/shopping-tourism-ricerca

 

RENATO BORGHI
SHOPPING TOURISM FEDERAZIONE MODA ITALIA CONFCOMMERCIO CONFTURISMO
SHOPPING TOURISM SALA ORLANDO CONFCOMMERCIO
RELATORI TAVOLA ROTONDA
MASSIMO TORTI SHOPPING TOURISM TAVOLA ROTONDA