Cromo
< torna alla lista
COMITATO DELLA MODA E DELL’ACCESSORIO AL MISE: FEDERAZIONE MODA ITALIA AL FIANCO DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE

11/10/2018 15.31.01

COMITATO DELLA MODA E DELL’ACCESSORIO AL MISE: FEDERAZIONE MODA ITALIA AL FIANCO DELLE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE

Il 9 ottobre una delegazione Confcommercio con Federazione Moda Italia, Federpreziosi con Assocoral e Aip è intervenuta al Comitato della Moda e dell'Accessorio al MISE alla presenza del Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Alberto Bonisoli e del Sottosegretario di Stato MISE, Michele Geraci. Nel corso dell'incontro, il Segretario Generale di Federazione Moda Italia, Massimo Torti, ha ribadito l'importanza della propria presenza al Comitato della Moda e dell'Accessorio in risposta alle considerazioni di apertura dei lavori del Ministro allo Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio e del Ministro dei beni e delle attività culturali, Alberto Bonisoli, sia in termini numerici sia per l'importanza rivestita dalla distribuzione commerciale all'interno della filiera della Moda. Una distribuzione commerciale che ha contribuito negli anni a diffondere il valore del Made in Italy, assumendone un ruolo d'ambasciatore e che oggi risulta strategica per professionalità, story telling e narrazione dei valori culturali del mondo della moda. Un settore che conta circa 140mila imprese di cui 121.000 del dettaglio moda e 15.400 del prezioso. Un dettaglio Moda, però, che vede un saldo nati mortalità negli ultimi 6 anni fortemente negativo di oltre 20 mila negozi (che non si vedono più nelle nostre strade) e che non costituisce un problema del solo commercio, ma dell'intera collettività. FederazioneModaItalia ha poi posto l'accento sull'importanza della formazione verso la qualità dei prodotti, la digitalizzazione e l'internazionalizzazione per la competitività delle nostre imprese e per passare da una concezione 0.4 di addetto alla vendita ad una 4.0 di professionista della vendita. È stata poi espressa la convinzione che occorra lavorare di più e meglio sull'etichettatura parlante che può rendere giustizia alla qualità e originalità del prodotto e quindi anche sulla lotta alla contraffazione che deve essere serrata e a “tolleranza zero” anche sul web e sui social. Come Sistema Confcommercio si sta lavorando sulla crescita della cultura della legalità e sull'incremento della consapevolezza da parte dei consumatori sull'impatto che hanno gli acquisti di prodotti taroccati sulla Società, sullo Stato e sulle imprese. Per questo Confcommercio organizza su tutto il territorio italiano una giornata “Legalità Mi Piace” dedicata alla legalità e Federazione Moda Italia ha lanciato l'iniziativa (arrivata alla sesta edizione) dei gazebo anticontraffazione come quello tenutosi in occasione della Vogue for Milano il 13 settembre scorso. In conclusione, FederazioneModaItalia ha confermato la stretta relazione tra turismo e cultura con moda, sistema fieristico e le nostre città che potrebbe essere rafforzata in termini di coinvolgimento di filiera. Al Comitato è stato inviato anche l'esito di un progetto di filiera “N1-Nice One” durato due anni e conclusosi il 30 settembre 2018 che abbiamo realizzato con The One Milano, Aip, CNA FederModa e Federazione Moda Italia è che ha visto 4 giovani stilisti di moda che hanno vinto un concorso destinato ai giovani designer ad AltaRoma esporre alla manifestazione fieristica The One Milano, trovare 4 produttori per la realizzazione di capsule collection presentate e messe in vetrina in 4 negozi di Milano e città metropolitana in occasione della Fashion Week. Un progetto di filiera che rappresenta una buona pratica e che potrebbe trovare continuità.