Cromo

QUADERNO SINDACALE N.6 DEL 29 OTTOBRE 2012

QUADERNO SINDACALE N.6 DEL 29 OTTOBRE 2012 CONSUMI SALDI NATIMORTALITA AZIENDE

In occasione del Consiglio Nazionale del 29 ottobre 2012 è stato presentato ed illustrato a Pisa il nuovo Quaderno Sindacale n. 6 del 2012, elaborato dal Responsabile dell’Ufficio Studi, Franco Tomelli. Il Quaderno analizza l’andamento dei consumi di prodotti di abbigliamento, pelletteria ed articoli sportivi, con particolare attenzione alla dinamica dei vari canali commerciali di distribuzione ed alle diverse quote di mercato. Il nuovo Quaderno effettua un monitoraggio sull’andamento dei saldi estivi e invernali dell’anno ed illustra i dati aggiornati al terzo trimestre 2012 sulla nati mortalità delle aziende del nostro settore in Italia. Il documento analizza, infine, l’incidenza della crescente disoccupazione e pressione fiscale per i riflessi che hanno sulla capacità di spesa delle famiglie italiane (- 4,1% confermato dall’ISTAT).  In sintesi, si evidenzia, per lo meno nel I semestre 2012, una minore negatività del sell-out dell’abbigliamento al dettaglio (-5,6% rispetto ad un – 8,6 dell’intero anno 2011) dovuto principalmente ad un effetto di “cannibalizzazione” delle vendite di GDO (grandi magazzini, iper e super) ed ambulanti, fortemente in crisi e – secondo il parere di un panel di esperti – al fatto che il consumatore italiano ancora apprezza l’eleganza e lo stile made in Italy. Resta ora da vedere se questo trend  sarà confermato anche nella seconda metà dell’anno. L'incremento più significativo si registra nel comparto degli outlet e acquisti online con un + 6,5% rispetto al + 5,2% del 2011, mentre crollano gli ambulanti che nei primi sei mesi dell'anno perdono l'11,5% contro il 3,1 dell'intero 2011.
Male anche i grandi magazzini, iper e super, con una contrazione del 9,2% rispetto al -1,8% dell'anno scorso. Tiene invece il commercio al dettaglio indipendente con una diminuzione del 5,6% del fatturato che è comunque migliore della contrazione dell'anno scorso (-8,6%). Lievissimo incremento per le catene di negozi con un + 2,8% migliore del 2,5% del 2011. Analizzando le quote di mercato nel primo semestre 2012, il dettaglio tradizionale cresce di quasi un punto (dal 35,4 al 36,2%, confermandosi al primo posto nella classifica dei primi cinque più importanti Paesi U.E.), ma se i negozi tradizionali resistono, il vero balzo in avanti lo fanno gli outlet e le vendite online che possono attuare una politica di prezzi decisamente più vantaggiosa rispetto agli altri settori e che aumentano il fatturato dal 4,1 al 12,1%. L'analisi dei prodotti, inoltre, rivela che la performance peggiore è quella delle pelletterie che perde il doppio di fatturato (-6,2%) rispetto all'abbigliamento (-3,1%).

NUOVO QUADERNO N. 5 DEL 17 SETTEMBRE 2012

QUADERNO CONSUMI FEDERAZIONE MODA ITALIA 17 SETTEMBRE 2012

Nel corso della riunione della Giunta di Federazione Moda Italia del 17 settembre 2012 è stata illustrata l'analisi sui consumi del settore moda nel I semestre 2012, sull'andamento dei saldi e sulla nati-mortalità delle nostre aziende. Il nuovo Quaderno di Federazione Moda Italia – redatto dal Responsabile dell'Ufficio Studi, Franco Tomelli – permette di leggere e far leggere i numeri che caratterizzano la dinamica di un settore economico, quello della moda, consentendo di illustrarne la storia ma anche di intuirne le prospettive. Il Quaderno contiene infatti un report sull'andamento dei consumi di prodotti Tessili/Abbigliamento e sulla dinamica dei vari canali commerciali di distribuzione, un monitoraggio dei saldi estivi e invernali dell'anno ed una valutazione sulla nati mortalità delle aziende del nostro settore.

QUADERNO N. 4 DEL LUGLIO 2012

QUADERNO AGGIORNAMENTO STUDIO DI SETTORE VM05U TAC TESSILE ABBIGLIAMENTO CALZATURE LUGLIO 2012

Il Quaderno contiene: tre concrete simulazioni sull'applicazione dei correttivi anticrisi su anonimi contribuenti a Parma (Emilia), Porto Recanati (Marche) e Lecco (Lombardia) che comprovano e riconoscono l'attendibilità del grande risultato ottenuto dalla Federazione; la revisione dello Studio di Settore VM05U TAC (Tessile Abbigliamento Calzature), con il conseguente riconoscimento del correttivo strutturale dovuto all'impatto degli outlet sulle attività commerciali al dettaglio del settore moda all'interno dell'area di attrazione di 90 minuti di percorrenza in auto dall'outlet stesso; quattro regionalizzazioni dello studio di settore a seguito dell'apertura di nuovi outlet (tre in Abruzzo, Campania e Sicilia per l'anno d'imposta 2011 ed uno in Sicilia per l'anno d'imposta 2012) riconosciute dalla SOSE a seguito del positivo confronto con Federazione Moda Italia.

QUADERNO N. 3 DEL LUGLIO 2012

QUADERNO FEDERAZIONE MODA ITALIA SUI CONSUMI MODA tessile abbigliamento

Il Quaderno riguarda i consumi nel settore Tessile/Abbigliamento per l'anno 2011, i primi mesi del 2012 e le proiezioni di fine anno.

QUADERNO N. 2 DEL MARZO 2012

SITUAZIONE DI MERCATO 2011 - MANUTENZIONE STUDIO DI SETTORE VM05U TAC - QUATTRO NUOVI OUTLET DEL SUD FRANCO TOMELLI FEDERAZIONE MODA ITALIA

SITUAZIONE DI MERCATO 2011

MANUTENZIONE STUDIO DI SETTORE VM05U TAC

QUATTRO NUOVI OUTLET DEL SUD APPROVATI DA SOSE

Il quaderno sindacale, del marzo 2012, raccoglie in un unico documento una serie di informazioni riguardanti l'attività sindacale della Federazione, a partire dall'aggiornamento sui consumi e dal benchmarcking del canale del dettaglio indipendente di abbigliamento e calzature con tutti i canali commerciali, nonché tutti i fattori di mercato determinanti per l'aggiornamento e la manutenzione dello Studio VM05U TAC 2012. Il documento, infine, contiene un aggiornamento sul riconoscimento da parte di SOSE di quattro nuovi outlet (due in Sicilia, uno in Abruzzo ed uno in Campania) per l'annualità fiscale 2011 delllo studio di settore di riferimento. 

QUADERNO N. 1 DEL FEBBRAIO 2012 - REDDITOMETRO E SPESOMETRO

REDDITOMETRO E SPESOMETRO FRANCO TOMELLI FEDERAZIONE MODA ITALIA

Il quaderno del febbraio 2012 sul redditometro e spesometro tende a sensibilizzare la vasta platea dei contribuenti che operano all'interno della nostra Federazione il deciso cambio di passo che l'Agenzia delle entrate sta inaugurando, intensificando cioè la lotta all'evasione nel rispetto - si spera - di un principio di equità distributiva del carico fiscale nazionale.