Cromo

FEDERAZIONE MODA ITALIA BOLOGNA

PRESIDENTE DETTAGLIO TESSILE ABBIGLIAMENTO: MARCO CREMONINI

PRESIDENTE INGROSSO TESSILE ABBIGLIAMENTO: GIANFRANCO PETRONCINI

PRESIDENTE PELLETTERIA: NADIA TARTARI

C/O Confcommercio Bologna

Strada Maggiore 23

40125 Bologna

NOTIZIE

3 gennaio 2013 - Sabato 5 gennaio hanno inizio, in tutta l'Emilia Romagna, i saldi invernali che termineranno martedì 5 marzo. Anche quest'anno la data di avvio dei saldi è uniforme a livello nazionale, così da garantire una concorrenza più equa tra gli operatori del settore ed allo stesso tempo dare una scossa al commercio incentivando così la spesa e favorendo gli acquirenti nello shopping. Per il Presidente di Federazione Moda Italia Bologna e di Confcommercio Bologna, Enrico Postacchini: «Con l'avvio di questo periodo di sconti, sulla scia degli anni passati, Confcommercio Ascom Bologna continua la sua iniziativa 'Saldi Tranquilli' per assicurare massima trasparenza, tutela e garanzia nel periodo di shopping più intenso. I saldi possono infatti rappresentare un'importante opportunità per acquistare merce di qualità a prezzi contenuti. Prevediamo per quest'anno un'ampia offerta e sconti interessanti, questo ci fa ben sperare per una positiva stagione dei saldi che potrebbe anche rappresentare il tanto atteso segnale di inversione di tendenza». Saldi Tranquilli è strumento di assoluta sicurezza e controllo, studiato ed applicato come esempio dell'assoluta correttezza che da sempre caratterizza il 'rapporto' tra Confcommercio Ascom Bologna ed i consumatori. "Saldi Tranquilli" si rivolge sia alla clientela, vista come referente fondamentale di una campagna informativa per rendere note le norme che regolano un corretto svolgimento dei saldi, sia soprattutto agli operatori commerciali per i quali Confcommercio Ascom Bologna ha attivato un numero di telefono cui rivolgersi (tel. 051-6487.411 - dal lunedì al venerdì. Orario: 10.30-12.30 e 14-17) per avere delucidazioni ed eventuali aggiornamenti sull'applicazione della disciplina dei saldi di fine stagione.

6 luglio 2012 - In vista dell’avvio dei saldi di fine stagione, il Presidente di Federazione Moda Italia Bologna e di Confcommercio Bologna, Enrico Postacchini, ha affermato «Per promuovere le vendite nei negozi associati di Bologna e provincia durante questo periodo che rappresenta un'importante occasione ed appuntamento per i consumi, soprattutto delle famiglie, la nostra Associazione rilancia "Saldi Tranquilli". Il periodo di congiuntura economica continua purtroppo ad essere molto delicato, secondo le stime di Confcommercio Imprese per l'Italia infatti i consumi delle famiglie, nei primi mesi de1 2012, hanno fatto registrare un netto calo sui volumi d'affari rispetto al 2011. Per questo motivo Confcommercio Ascom Bologna ritiene necessario ed importante per il nostro territorio lanciare un forte messaggio ai consumatori, assicurando loro un importante servizio che possa garantire un ampio ventaglio di scelta nei vari esercizi commerciali di Bologna e Provincia dove trovare garanzia di qualità e convenienza. L'obiettivo è di consolidare il rapporto di fiducia e di trasparenza tra i clienti ed i commercianti»

25 maggio 2012 - Il sisma che, in provincia di Bologna ha duramente colpito i comuni di Crevalcore, San Pietro in Casale, Galliera, Malalbergo, Castello d'Argile, Pieve di Cento, San Giovanni in Persiceto e Sant'Agata Bolognese, sta causando gravi problemi anche alle numerose attività economiche presenti in quei territori che, dopo i primi accertamenti, sono obbligate a tenere chiuse le proprie strutture o renderle operative a regime ridotto. Questa situazione si inserisce inoltre in un contesto di crisi conclamata dei consumi, a causa del quale le imprese sono da tempo in stato di grave sofferenza. Per Enrico Postacchini, Presidente di Confcommercio Ascom Bologna e di Federazione Moda Italia Bologna «Le realtà imprenditoriali colpite contribuiscono all'arricchimento del territorio e garantiscono così solide garanzie occupazionali e di reddito a numerose famiglie. Il loro lavoro è stato però bruscamente interrotto dalla grave calamità che le ha fortemente danneggiate e non sappiamo, ad oggi, quando potranno riprendere la loro attività. È indispensabile, per questo motivo, che oltre alle dichiarazioni di solidarietà e vicinanza si passi ai fatti: chiediamo pertanto alla Regione Emilia Romagna ed agli altri Enti Locali di intervenire in soccorso a tutte le imprese colpite, siano esse piccole, medie o grandi aziende, e di emanare provvedimenti che le possano ammettere tutte, avendo dovuto sospendere i loro dipendenti per causa di forza maggiore, alla cassa integrazione in deroga ed a tutti gli eventuali strumenti di sostegno al reddito per i lavoratori e per gli imprenditori che la legge mette a disposizione. Solo così sarà possibile tutelare adeguatamente anche il tessuto economico del nostro territorio».

20 gennaio 2012 - Contro il provvedimento del Governo sulla liberalizzazione degli orari dei negozi si schiera la Regione Emilia Romagna. Il Presidente di Confcommercio Bologna e di Federazione Moda Italia Bologna, Enrico Postacchini, intervistato dall’Unità, rinnova il “no” alle nuove norme della manovra che permettono l’apertura dei negozi 24 ore su 24 e tutte le domeniche, affermando che «sugli orari devono decidere le Regioni». La Regione Emilia Romagna «faccia valere la sua competenza e sensibilità territoriale. Se poi non dovesse riuscirci e decidesse di ricorrere alla Corte Costituzionale, noi siamo d’accordo. Le liberalizzazioni sono eccessive. Ci si poteva fermare benissimo a quelle decise finora, con l’unica variazione. Magari si poteva estendere lo status di “città d’arte” a tutta Bologna e non solo alla zona dentro le mura».