Cromo

FEDERAZIONE MODA ITALIA CAGLIARI

PRESIDENTE: FEDERICA FRAU

C/O Confcommercio Cagliari

Via Santa Gilla 6

09122 Cagliari

 

 

NOTIZIE

4 agosto 2013 - Su L'Unione Sarda, è stato pubblicato un articolo sull'andamento dei saldi a Cagliari e in Sardegna. La prima parte della stagione non ha riservato sorprese positive per il commercio del capoluogo. Nel primo mese il calo a Cagliari è stato circa del 7 per cento, numero confermato, in media, anche a livello regionale. Per il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu, le notizie non sono rassicuranti: «Il calo c'è stato e si attesta sul sette per cento. La situazione si sta facendo sempre più drammatica, e secondo me continuerà fino alla prossima primavera. La pressione fiscale è asfissiante. C'è chi ha il locale sfitto da mesi e deve pagare l'Imu. E intanto le imprese falliscono. E non vengono sostituite da altre, nessuno rischia. I proprietari, per affittare i loro locali, devono cambiare strategia, magari abbassando il canone ed entrando con una quota nell'idea imprenditoriale».

20 ottobre 2012 - Intervistato sull’Unione Sarda sul tema della confusione generata dal sondaggio lanciato dall'assessorato regionale del Commercio sull'eventuale anticipazione dei saldi all'8 dicembre, il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu, ha affermato: «Sarebbe un grave errore creare ulteriori confusioni e turbative in un periodo già drammaticamente difficile per le nostre aziende. I saldi sono di fine stagione. Non è poi vero che in Lombardia sia partita questa sperimentazione, anzi, la proposta è stata stroncata sul nascere e anche lì, come in Liguria, i saldi partiranno solo in gennaio, come in tutta Italia. Proprio per garantire il consumatore i saldi si fanno solo in un certo periodo dell'anno, altrimenti diventerebbero “saldi furbi”. Perciò bocciamo la proposta Crisponi». Confcommercio Sardegna ha aggiunto: «Da tempo l'organizzazione sollecita una radicale svolta nel riordino della disciplina del commercio nell'Isola e auspica che il recente disegno di legge varato dalla Giunta regionale porti a un vero cambiamento per il rilancio del settore. Se poi occorre rivedere le norme sui saldi, si apra il confronto con le parti sociali interessate, affrontando gli atavici nodi della distribuzione commerciale».
 

31 luglio 2012 - Il bilancio del mese di luglio in occasione dei saldi nei negozi della provincia di Cagliari ha in buona parte confermato le previsioni non esaltanti della vigilia. Per il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu: "La nascita di nuove tasse e la conseguente diminuita capacità di spesa dei consumatori, la scarsa propensione agli acquisti dovuta alle notizie poco confortanti relative al futuro non hanno certo incoraggiato i consumatori, nonostante i saldi abbiano fatto bella mostra nelle vetrine dei negozi della città e della provincia.  Nonostante la crisi, l'interesse dei consumatori per i saldi è comunque sempre elevato, nel senso che, comunque, si aspetta proprio questo periodo per concludere la maggior parte degli acquisti". I dati però non sono confortanti ed in linea con la tendenza nazionale, con cali che vanno dall’11 al 20%, con punte anche del 30%, mentre lo scontrino medio si è fermato a quota 57 euro. Lo conferma il sondaggio effettuato dal Centro Studi della Confcommercio di Cagliari, su un campione di 70 negozi che rappresentavano sia la città capoluogo che la provincia “vecchia”. Neanche le vendite nel periodo dei saldi sono quindi riuscite ad invertire un trend fortemente negativo per le aziende, dovuto alla forte preoccupazione delle famiglie, anche in proiezione futura, per  l'andamento dell'economia e, in generale, del lavoro. Qualche segnale di risveglio si è potuto notare in occasione di iniziative di richiamo, organizzate sia a Cagliari che in altri comuni della provincia, segno che la rivitalizzazione dei centri storici è la strada giusta da percorrere per stimolare la vita sociale e dare ossigeno alle attività.

12 luglio 2012 - Per sette giovedì, dal 12 luglio al 30 agosto, organizzata dal Comune di Cagliari, con la collaborazione, tra gli altri, di Confcommercio Cagliari e Federazione Moda Italia Cagliari si svolge “Notti Colorate”. Il periodo non è casuale, in quanto si è cercato, in concomitanza con il periodo dei saldi, di ridar vita alle vie del centro di Cagliari, anche attraverso iniziative di richiamo. L’arancione, il fucsia e via di seguito diventano così il colore tema della serata, attraverso un capo da indossare o qualche elemento decorativo che lo richiamasse e nelle vie del centro insieme allo shopping i visitatori potevano degustare, nei ristoranti, menù dedicati e piatti tipici, usufruire di tante iniziative quali la visita ai principali musei e centri comunali d’arte e cultura, eventi musicali, mostre mercato dell’artigianato sardo e dell’enogastonomia. Per il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu: "Notti Colorate, pur non avendo la pretesa di risollevare l’andamento delle attività, ha comunque rappresentato una boccata d’ossigeno, anche grazie alla presenza dei turisti delle coste di Pula e Villasimius che hanno utilizzato i bus navetta messi a disposizione dall’organizzazione. Ciò a conferma che quanto le iniziative di richiamo possano stimolare la vita sociale con importanti ricadute anche per il tessuto economico".

6 luglio 2012 - Il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu, è stato eletto vicepresidente della Fiera di Cagliari, l’azienda speciale della Camera di Commercio. L’elezione è avvenuta in occasione dell’ultima riunione del consiglio di gestione dell’Ente. L’elezione rappresenta un importante riconoscimento e premia l’attività portata avanti da Bistrussu in tutti questi anni, prima nel ruolo di Presidente della Federazione Moda Cagliari, come membro di Giunta Nazionale della Federazione e di vicepresidente della Confcommercio di Cagliari. Al neo vicepresidente della Fiera di Cagliari, il Presidente di Federazione Moda Italia, Renato Borghi, esprime, anche a nome del Consiglio Nazionale della Federazione, congratulazioni per il prestigioso incarico ed augura buon lavoro.

31 maggio 2012. Intervistato dall'Unione Sarda, Lino Bistrussu, Presidente di Federazione Moda Cagliari ha riferito: l'aumento dell'Iva frena i consumi. A fronte del paventato aumento dell'Iva dal primo ottobre, il Consiglio nazionale di Federazione Moda Italia ha recentemente espresso profonda preoccupazione per le pericolose ricadute sui consumi delle famiglie, in un momento di grave difficoltà soprattutto per il settore moda. Lino Bistrussu, componente della Giunta di Federazione Moda Italia Confcommercio esprime profonda preoccupazione : "L'annuncio dell'aumento dell'Iva al 23% rappresenta un passo falso e provoca disorientamento nell'opinione pubblica, in un momento in cui i consumi dovrebbero essere incentivati e non scoraggiati". Da un'indagine commissionata da Federazione Moda Italia ad AstraRicerche emergono due importanti evidenze: da un lato, la crisi è conclama tant'è che, nel mese di marzo, oltre il 68% degli italiani si dichiara insoddisfatto della propria condizione economica, raggiungendo un livello record rispetto agli ultimi sessant'anni. Dall'altro lato, il sentiment - il clima di fiducia degli italiani - ha registrato un sensibile incremento dell'ottimismo pari al 7% in un solo mese. Per Bistrussu "si rischia così di rompere quel positivo clima primaverile che ci permetterebbe di definire strategie, non più solo difensive ed emergenziali, ma a medio termine se non addirittuta d'attacco".

 

 

10 aprile 2012 - L’Ente Bilaterale Territoriale del Terziario della provincia di Cagliari, in collaborazione con Federazione Moda Italia Cagliari, ha organizzato un seminario dal titolo “Come comunicare la propria azienda” che si terrà lunedì 16 aprile 2012 dalle ore 9,00 alle ore 17.00 presso il Caesar’s Hotel, Via Darwin n. 2/4 – Cagliari e vedrà la partecipazione in qualità di relatore del Sociologo Professor Enrico Finzi, Presidente di AstraRicerche. La partecipazione al seminario è gratuita, salvo esaurimento posti, per un numero limitato di Soci della Federmodaitalia della provincia di Cagliari. Gli operatori interessati a partecipare potranno prendere contatti, entro giovedì 12 aprile, via mail a m.cossu@confcommerciocagliari.it.

9 marzo 2012 - Il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu, esprime soddisfazione per l’approvazione della delibera della Regione autonoma della Sardegna per la presentazione del ricorso alla Corte Costituzionale in relazione alla illegittimità costituzionale del disposto del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (Salva Italia) sulla liberalizzazione degli orari e delle aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali. Il ricorso si basa sulla violazione dei principi di eguaglianza, di ragionevolezza e di leale collaborazione della Costituzione e dello Statuto di autonomia della Regione Sardegna. Per il Presidente Bistrussu: «Le liberalizzazioni degli orari di apertura e chiusura e delle aperture domenicali e festive degli esercizi commerciali avvantaggiano la sola grande distribuzione. I piccoli operatori commerciali non possono sopportare ulteriori costi e gli unici che sono in grado di pagare i dipendenti con relativi straordinari per aperture straordinarie sono solo i grossi centri commerciali. Nell’Isola c’è un negozio ogni 28 abitanti, in Italia uno ogni 70. La media sale in Germania, dove troviamo un negozio ogni 200 abitanti e in Francia uno ogni 300. La nostra economia è caratterizzata da un pluralismo distributivo, ma basata sulle piccole imprese: così s’impoverisce il tessuto più importante della Sardegna».

3 febbraio 2012 - Federazione Moda Italia Cagliari ha ottenuto la regionalizzazione degli studi di settore del comparto “VM05U”, approvato da una commissione di esperti e realizzato nell'ottica della collaborazione portata avanti da anni dalla Federazione Moda Italia-con la SO.SE (Società per gli Studi di Settore) e l’Agenzia delle Entrate. Per la prima volta, infatti, sono stati inseriti importanti indicatori territoriali come: il livello dei canoni di locazione (per regione, provincia e comune) sulla base degli osservatori del mercato immobiliare (Omi), il costo delle retribuzioni per il personale, il reddito disponibile dell'esercente, il numero di factory outlet center presenti. Il Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari, Lino Bistrussu, dichiara su Libero: «Abbiamo ottenuto un grande risultato, considerando la situazione difficile che attraversa il settore dell'abbigliamento. Il nuovo studio costituisce un importante passo in avanti in direzione dell'affinamento della metodologia degli studi di settore che tengano conto dei principi di equità e selettività. Ci sono correttivi legati alle vendite in saldo, alle vendite promozionali, alle vendite di merci acquistate in anni precedenti a quelli di applicazione dello studio e agli effetti della presenza dei factory outlet center: da noi ce n'è solo uno, non possiamo avere gli stessi parametri utilizzati per altre Regioni».

5 gennaio 2012 - Si parte con i saldi, proprio mentre continua la polemica sulla liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi. Per Lino Bistrussu, Presidente di Federazione Moda Italia Cagliari “Con l’introduzione della libertà di apertura e chiusura dei negozi, si fa solo il gioco della grande distribuzione. In queste condizioni i piccoli commercianti non possono reggere: gli unici a potersi permettere di pagare i dipendenti sono solo i grossi centri commerciali. Nell’Isola c’è un negozio ogni 28 abitanti, in Italia uno ogni 70. La media sale in Germania, dove troviamo un negozio ogni 200 abitanti e in Francia uno ogni 300. La nostra  società è basata sulle piccole imprese: così s’impoverisce il tessuto più importante della Sardegna. Anche perchè chi si giova delle liberalizzazioni sono i grossi marchi, che poi portano i guadagni altrove”.