Cromo

FEDERAZIONE MODA ITALIA MILANO

FEDERAZIONE MODA ITALIA MILANO DETTAGLIO INGROSSO TESSILE ABBIGLIAMENTO CALZATURE PELLETTERIA ARTICOLI SPORTIVI ACCESSORI

PRESIDENTE: RENATO BORGHI

FEDERMODAITALIA MILANO 

Via Durini 14

20122 Milano

e-mail: info@federmodamilano.it

sito internet: www.federmodamilano.it

 

 

NOTIZIE

28 agosto 2013 - Su Il Giorno è stata pubblicata la notizia di un rapinatore che fugge a mani vuote dopo aver tentato, intorno alle 19.45 del 27 agosto, di svaligiare un negozio di abbigliamento nella centrale via milanese di San Prospero. In sostanza, riporta l'articolo, un uomo di circa 30 anni è entrato nel negozio, intimando alla cassiera (una ragazza di 31 anni) di consegnargli l'incasso. Davanti ad un rifiuto secco della donna, il rapinatore non ha minimamente insistito, uscendo dal negozio e fuggendo a piedi verso Piazza Cordusio, senza bottino.

SALDI CHIARI - DAL 5 GENNAIO AL 5 MARZO 2013

SALDI CHIARI FEDERMODAMILANO

IL 5 GENNAIO 2013 INIZIANO I SALDI INVERNALI. ADERISCI A “SALDI CHIARI” L’ACCORDO SIGLATO TRA FEDERMODAMILANO E LE PRINCIPALI ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI.
“SALDI CHIARI” FAVORISCE IL RAPPORTO CON I CONSUMATORI E  QUINDI  PUO’ MIGLIORARE LE VENDITE ADERISCI E RITIRA IL MATERIALE PUBBLICITARIO PRESSO I NOSTRI UFFICI A MILANO IN  VIA DURINI 14

1 gennaio 2013 - In un comunicato stampa ripreso dalle principali testate giornalistiche è stata riportata la previsione di Federmodaitaliamilano (Confcommercio Milano) sul valore complessivo delle vendite in saldo pari a 461 milioni di euro, con un acquisto medio a persona di circa 176 euro, in calo del 9% rispetto ai saldi invernali 2012. Il 62% delle famiglie milanesi acquisterà in saldo. Per il Presidente di Federazione Moda Italia e di FederModaMilano, Renato Borghi: «La stagione autunno/inverno è stata fortemente negativa anche se le promozioni, effettuate in via sperimentale in Lombardia, hanno dato qualche possibilità agli operatori commerciali di tirare il fiato ed ai consumatori di scegliere, tra i possibili regali di Natale, anche i prodotti di moda, abbigliamento, calzature, pelletteria, accessori e articoli sportivi. I saldi rappresentano uno straordinario rito collettivo capace di attrarre l’interesse di quasi 1,2 milioni di famiglie milanesi e dalla provincia e di numerosissimi turisti stranieri affascinati dal made in Italy. Ma, in questo periodo speriamo possano rappresentare una chance per i negozianti del settore moda per poter avere la liquidità necessaria ai nuovi approvvigionamenti in vista della stagione primavera/estate e per i consumatori per soddisfare una necessità e/o un desiderio con l’acquisto di un capo di qualità a prezzo più accessibile. I saldi di quest’anno saranno caratterizzati da qualità, ampiezza di assortimento e soprattutto prezzi, con percentuali di sconto veramente allettanti». Con l’avvio dei saldi invernali 2013 ritorna la tradizionale iniziativa dei “Saldi chiari” promossa da FederModaMilano e Confcommercio milanese in sintonia con le associazioni dei consumatori.

13 dicembre 2012 - Nel corso di una cerimonia tenutasi a Milano il 13 dicembre 2012 presso l'Auditorium di Palazzo Lombardia, Teresa Deda Corti, membro del Consiglio di FederModaMilano, ha ricevuto dal Presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni, l’importante riconoscimento del premioRosa Camuna”. Il Premio, giunto alla XV edizione, è stato istituito dalla Regione nel 1996 per riconoscere pubblicamente il ruolo e l'impegno delle donne nate o residenti in Lombardia a favore della promozione sociale delle donne, delle pari opportunità e della collettività nei campi dell'educazione, del lavoro, della cultura, dell'impegno civile e sociale e della creatività. Il Presidente di Federazione Moda Italia e FederModaMilano, Renato Borghi, unitamente al Consiglio di FederModaMilano, esprime soddisfazione e si complimenta con Deda Corti pe l’importante riconoscimento assegnato ad un’imprenditrice del settore moda che si è distinta per la spiccata capacità imprenditoriale e gestionale, per la riorganizzazione aziendale e lo sviluppo di un importante marchio storico milanese nel difficile settore del dettaglio tessile di qualità.

21 dicembre 2012 - Fino al 24 dicembre sarà presente a Milano, in via Dante angolo via Rovello, il primo dei quattro gazebo del progetto “Sentinelle Anticontraffazione" per sensibilizzare e informare i milanesi sui rischi e gli effetti derivanti dall’acquisto di prodotti contraffatti. Il progetto nasce da un’iniziativa degli assessorati alla Sicurezza, Coesione sociale, Polizia locale e al Commercio e Attività produttive del Comune di Milano, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, ANCI, Confcommercio Milano, FedermodaItalia Milano, Consiglio Milanese Anticontraffazione e la rivista “Scarp de’ Tenis”. Dopo il gazebo di via Dante, nel corso dei prossimi mesi del 2013 saranno allestiti altri punti informativi posizionati lungo gli assi commerciali dalla città: corso Buenos Aires e San Babila - Castello Sforzesco. Presso i gazebo, oltre ai pannelli esplicativi multilingue sugli effetti della contraffazione a livello economico e sociale, saranno distribuiti 50.000 volantini, un vademecum con un decalogo di Federazione Moda Italia-Confcommercio e FederModaMilano con l’obiettivo di creare consapevolezza sui rischi che si corrono per gli acquisti di prodotti contraffatti e un’utile guida tascabile, realizzata dal Ministero dello Sviluppo economico in collaborazione con le associazioni dei consumatori, con consigli e suggerimenti per evitare l’acquisto di prodotti contraffatti. Nei gazebo sarà possibile verificare, toccando con mano, le differenze tra prodotti a norma e non, che al di là di un’apparente somiglianza estetica nascondono vere e proprie insidie per la sicurezza e la salute del consumatore. Pericoli che vanno dalla presenza di piccole parti smontabili e ingeribili dai più piccoli, all’utilizzo di prodotti allergizzanti e vernici tossiche sino alle false batterie al cadmio e litio con i noti effetti collaterali dannosi per la salute. FederModaMilano unitamente a Confcommercio Milano hanno aderito alla campagna del comune di Milano per contrastare la diffusione di prodotti falsi. Gli interventi del Presidente di Federazione Moda Italia e FederModaMilano, Renato Borghi, del Presidente del Consiglio Nazionale Anticontraffazione, Daniela Mainini e degli Assessori del Comune di Milano al Commercio, Franco D’Alfonso e alla Sicurezza, Coesione Sociale e Polizia locale, Marco Granelli, con tutte le informazioni e la documentazione distribuita presso i gazebo sono disponibili sul nostro sito www.federazionemodaitalia.it

12 novembre 2012 - Si è svolta la riunione della Giunta Esecutiva di Federmodamilano, durante i lavori il Presidente Renato Borghi ha affrontato temi riguardanti la Legge di Stabilità e, in particolare l’incremento dell’aliquota IVA che penalizzerà ulteriormente i consumi, ha commentato i risultati della ricerca sul “sentiment” delle famiglie, da cui è emerso, innanzitutto, che la grave stagnazione dei consumi si è accompagnata ad un peggioramento del clima di fiducia delle famiglie. La Giunta ha inoltre affrontato il tema delle vendite speciali con particolare riferimento alle vendite promozionali ed ai saldi. A questo proposito la Giunta ha ravvisato che i recenti articoli di stampa ed il continuo parlare di saldi anticipati hanno creato molta confusione sia tra le imprese che tra i consumatori. La Giunta ha quindi deciso di realizzare e distribuire alle aziende una locandina nella quale si informa la clientela che, come stabilito dalla Delibera della Regione Lombardia n. IX/2667 del 14 Dicembre 2011,  i saldi inizieranno il prossimo 5 gennaio 2013. Inoltre, come ha dichiarato il Segretario di FedermodaMilano Giuliano Pennati: «Oltre alla locandina che distribuiremo nei prossimi giorni alle aziende, lasciando naturalmente a loro la scelta di esporla nelle vetrine, la Giunta ha anche deciso di convocare per il prossimo mese di Febbraio 2013 una Assemblea Generale delle aziende di Milano e Provincia per approfondire la tematica saldi e promozioni».

22 ottobre 2012 - Entro la fine del 2013, l'80% degli smartphone sarà dotato di tecnologia NFC (Near Field Communication) che permette di effettuare acquisti, avvicinando semplicemente il telefonino al Pos abilitato. È partita, in questi giorni a Milano, la sperimentazione dell’applicazione di questa nuova tecnologia con il coinvolgimento di alcuni negozi associati a FedermodaMilano. La tecnologia Nfc permette, inoltre, di utilizzare anche coupon e buoni sconto, o avere notizie su opere d'arte facendo interagire il dispositivo con i cartelloni informativi. FedermodaMilano ha accolto positivamente la proposta di Telecom di partecipare, con alcuni dei propri negozi associati, alla prima sperimentazione di pagamento degli acquisti effettuati con il telefonino avvenuta in occasione dell'Nfc & Mobile money summit, che si è svolta dal 22 al 25 ottobre 2012. In particolare, l’iniziativa ha previsto il pagamento di mezzi pubblici e taxi con il cellulare e l’utilizzo di coupon promozionali e buoni sconto concessi ai partecipanti  del meeting (circa un migliaio di operatori telefonici provenienti da tutto il mondo) organizzato da Telecom da spendere presso alcuni negozi di moda aderenti a FedermodaMilano. Entro fine anno, la sperimentazione verrà estesa a tutti i clienti con telefonino Nfc dell'area milanese. Entro la fine del 2013, si prevede che circa l'80% degli smartphone sarà equipaggiato con tecnologia Nfc, mentre il numero di negozi dotati di POS abilitati al pagamento contactless sarà superiore a 150.000.
 

20 settembre 2012 - A seguito del successo della sperimentale partnership tra FederModaItaliaMilano e “50&Più/ENASCO” (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti), è stato consolidato il nuovo servizio che offre ai soli Soci di FederModaMilano ed ai loro collaboratori una serie di servizi per risolvere ogni problema in materia previdenziale e/o fiscale, quali ad esempio: verifica della posizione assicurativa INPS - controllo della posizione e dei contributi versati (estratto contributivo); individuazione dell'esatta data per il pensionamento; calcolo preventivo dell’importo della propria pensione; compilazione e trasmissione in via telematica all'Inps della domanda di pensione; domande di invalidità civile; invio telematico prestazioni di sostegno al reddito (maternità, disoccupazione, ect..); ogni pratica di natura previdenziale personale; compilazione delle dichiarazioni ISEE; gestione collaboratori domestici; dichiarazioni di successione; compilazione Modd. ICRIC / ICLAV / DETR / RED. Il servizio è fornito direttamente presso gli Uffici di Milano, in Via Durini 14, nelle giornate di lunedì e venerdì di ogni settimana, previo appuntamento.

25 luglio 2012 - Il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza di un’autorimessa contro il Comune di Milano che si vede così costretto a sospendere cautelativamente l'Area C, la zona del centro con ingresso a pagamento per le auto. Per il Vice Presidente della Confcommercio Milano e Presidente di Assomobilità, Simonpaolo Buongiardino, a commento della sospensione di Area C successivamente al pronunciamento del Consiglio di Stato: «Il Comune, con le telecamere spente anche oltre il periodo di stop in agosto, potrà valutare quali differenze oggettive vi saranno senza l'applicazione del provvedimento sull'inquinamento, sul traffico privato e di servizio, sulla frequentazione del centro e la ricaduta economica per le attività commerciali. In questo senso è un'opportunità che non deve andare sprecata per individuare gli opportuni correttivi». Per il Vice Presidente di Confcommercio Milano e Presidente di FederModaMilano, Renato Borghi «Accolgo con soddisfazione questo provvedimento del Consiglio di Stato. Pur riconoscendo i problemi legati all’inquinamento, al traffico e quant’altro, l’introduzione della cosiddetta “congestion charge” o “Area C”, è andata sicuramente ed ulteriormente a gravare sulle aziende. Siamo tutti d’accordo sul fatto che si debbano trovare delle soluzioni, ma le soluzioni devono anche tener conto del fatto che una città metropolitana come Milano si deve poter muovere. La soluzione ai problemi del traffico, quindi, non può essere quella di impedire il traffico. La mancata previsione anche di finestre per le consegne ha creato incremento dei costi per il rifornimento ai negozi, obbligandoli a subire anche carenze di servizio ai clienti, per quanto riguarda le consegne a domicilio. Si pensi solo al mio settore, in cui spesso devono essere fatte consegne negli alberghi ai turisti. Turisti che vengono a comprare a Milano e hanno fretta perché devono ripartire»

18 luglio 2012 - Il Consiglio Direttivo di FedermodaMilano ha incontrato il 18 luglio scorso l’Assessore alle Attività Produttive del Comune di Milano Franco D’Alfonso. Dopo una breve introduzione del Presidente di FedermodaMilano, Renato Borghi, i Consiglieri hanno rivolto all’Assessore una serie di domande che hanno toccato tutti i temi di particolare interesse per la categoria e per la città di Milano. In sintesi, si è parlato di “Area C” e dell’organizzazione dei “Giovedì di Milano”, iniziativa per rendere attrattiva la città e rilanciare i consumi. Fra i temi trattati anche quello dei costi per l’organizzazione delle feste di via, degli immobili commerciali sfitti e per quanto riguarda il settore dell’ingrosso il problema del trasferimento delle attività a causa delle difficoltà che le aziende devono superare per poter continuare ad operare in città. L’Assessore D’Alfonso ha risposto a tutte le istanze in modo concreto e collaborativo. L’incontro è poi terminato con l’impegno da parte dell’Assessore di incontrare al più presto i rappresentanti di FedermodaMilano del settore ingrosso per approfondire con loro il problema sollevato circa i trasferimenti delle aziende.

11 luglio 2012 - Ampia partecipazione di pubblico alla “Notte bianca” dei saldi dell’11 luglio scorso, con negozi aperti fino alle 24.00 in Corso Buenos Aires ed in zona De Angeli con via Marghera chiusa al traffico dalle 19.00, dove sono stati collocati gazebo dei commercianti per l’esposizione dei prodotti e dove un gruppo musicale itinerante ha suonato, dalle 21 alle 22.30, musica classica e jazz allietando lo shopping in notturna. La ''notte bianca'' della zona De Angeli ha coinvolto anche i negozi delle altre vie del quartiere (Ravizza, Sanzio, piazza de Angeli). Le iniziative delle associazioni di via hanno avuto il supporto organizzativo di Confcommercio Milano. Per FederModaMilano sono queste le iniziative che vanno sostenute e che contribuiscono a vivacizzare la città ed a sostenere l’economia di Milano.

6 luglio 2012 - Come in tutte le maggiori città italiane ed in quasi tutte le regioni partono domani 7 luglio a Milano i saldi estivi: la previsione di Federmodamilano (Confcommercio Milano) è di un valore complessivo delle vendite di 450 milioni di euro, con un acquisto medio a persona di 154 euro. Rispetto ai saldi estivi 2011 i ricavi sono previsti in calo nonostante il 61% delle famiglie – secondo il monitoraggio AstraRicerche effettuato per Federazione Moda Italia - dichiari che acquisterà in saldo (e la quasi totalità dei negozi effettuerà i saldi). Gli sconti medi, prevede Federmodamilano, saranno del 40%. Per il Presidente di Federmodamilano e vicepresidente Confcommercio Milano, Renato Borghi: «Con un clima di fiducia (il cosiddetto sentiment, monitorato da AstraRicerche su un universo di 41,1 milioni di italiani tra i 18 ed i 69 anni) ai minimi storici con il 66% degli italiani sfiduciato ed un reddito disponibile che, anche per l’inasprimento del carico fiscale, si assottiglia sempre più, i consumi nel settore moda non sembrano poter crescere neppure con i saldi. Va però detto che pur non prevedendo certamente una stagione positiva – si stima per Milano un calo passando da uno scontrino medio di 170 euro a persona del 2011 ai 154 euro destinati agli acquisti in questi saldi estivi 2012 – l’appuntamento dei saldi continua a rappresentare un evento capace di coinvolgere e di attrarre anche molti turisti a livello internazionale. Un’occasione non solo per i consumatori che possono trovare qualità, profondità di assortimento, taglie e colori a prezzi decisamente interessanti, ma anche per gli operatori commerciali che dai saldi auspichiamo possano comunque trovare una boccata di ossigeno e la liquidità per affrontare le impegnative scadenze dell’autunno/inverno. Per questo, ci aspettiamo che possa essere colta quest’opportunità dei saldi estivi anche per sostenere la nostra economia». Con l’avvio dei saldi estivi, FederModaMilano promuove l’accordo siglato con le principali associazioni dei consumatori “SALDI CHIARI”. L’obiettivo è di favorire la trasparenza delle regole di acquisto, migliorando le vendite e fidelizzando il cliente. Per aderire all’iniziativa è possibile ritirare il materiale pubblicitario presso gli Uffici di Via Durini 14.

29 giugno 2012 - A seguito dell’accoglimento delle nostre richieste da parte del Comune di Milano, l’aliquota IMU per i negozi ed i laboratori è stata ridotta dall’1,06% allo 0,87% e allo 0,76% per gli immobili destinati ad attività imprenditoriali di start-up. Soddisfazione è stata espressa dal Presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia e di Confcommercio Milano, Carlo Sangalli, in un’intervista al Corriere Della Sera del 28 giugno: «Siamo riusciti a contenere i danni. Il sindaco e il consiglio comunale hanno dimostrato attenzione nei confronti delle attività commerciali, riconoscendo il ruolo ed il valore sociale dei negozi di vicinato. In generale, il sovraccarico di tasse, l’introduzione della tassa di soggiorno e il rincaro della Tarsu, hanno un’incidenza negativa sul commercio…Credo sia doveroso cercare sempre di avviare un dialogo con le istituzioni. Quando abbiamo avuto da muovere critiche anche a questa amministrazione lo abbiamo fatto: spero però si possa continuare a collaborare, ad esempio, sui giovedì di Milano, per cui continuiamo ad avere grandi aspettative. A Roma, insistiamo nel sostenere che vada fatto ogni sforzo per derubricare definitivamente l’ipotesi di ricorrere a questi aumenti IVA che rischiano, tra il 2011 ed il 2014, di tradursi in minori consumi reali, a livello nazionale, per circa 38 miliardi di euro. Circa 4 miliardi per Milano. In sisntesi, sarebbe il definitivo ko per la nostra economia».

29 giugno 2012 - In collaborazione con le associazioni di categoria, il Comune di Milano intende promuovere, anche quest'anno, l'iniziativa "Milano Aperta d'Agosto" che consentirà di conoscere (attraverso il sito internet del Comune) le attività, gli orari e i giorni di apertura dei negozi e dei pubblici esercizi durante il mese di agosto. Un servizio per la cittadinanza e una buona promozione per le attività commerciali che decideranno di restare aperte nel mese di agosto. Infatti a tutti gli esercizi che aderiranno alla "Milano Aperta d'Agosto 2012" sarà garantita visibilità nel sito del Comune di Milano in una area appositamente dedicata. Il calendario degli eventi è consultabile sul sito del Comune di Milano. L'adesione a "Milano Aperta d'Agosto 2012" potrà essere perfezionata attraverso le associazioni di categoria. Le imprese potranno inoltre segnalare la propria apertura in agosto anche attraverso il numero infoline del Comune 020202. Il servizio è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. L’iniziativa "Milano Aperta d'Agosto 2012" sarà pubblicizzata anche attraverso la cartolina che il Comune farà distribuire alla cittadinanza e che avrà unicamente carattere informativo/divulgativo. Le aziende associate a FederModaMilano che rimarranno aperte nel mese di agosto sono quindi invitate a compilare la scheda di adesione ed inviarla entro e non oltre lunedì 9 luglio 2012 a mezzo e-mail all'indirizzo: info@federmodamilano.it, o a mezzo fax al n. 02-796668.

25 giugno 2012 - Si è riunito il Consiglio di FederModaMilano per discutere, dopo le comunicazioni del Presidente Renato Borghi, sullo stato di salute del commercio al dettaglio e ingrosso del settore moda, sulla recente azione di ostacolo alla realizzazione di un Factory Outlet Center di 35mila mq. a Locate Triulzi a sud di Milano, sull'andamento del mercato e delle iniziative promozionali in corso ed in vista dei saldi del 7 luglio. Il Consiglio ha poi valutato le proposte di legge sulla definizione e regolamentazione dei temporary shop e dei Factory Outlet Center.

14 giugno 2012 - Con soddisfazione si comunica che a seguito di quanto emerso nell’ultima seduta della Conferenza di Servizi del 14 giugno , grazie all’efficace azione condotta da Confcommercio Milano, Confcommercio Lombardia e FederModaMilano, l’insediamento di un Factyory Outlet Center a Locate Triulzi – due passi a sud di Milano – non sarà realizzato. Le numerose incongruità normative evidenziate dal Servizio Legislativo della Confcommercio di Milano nel corso dell’iter della Conferenza, avrebbero imposto innumerevoli prescrizioni correttive al progetto dell'Operatore. Per il Presidente di FederModaMilano e Vice Presidente di Unione Confcommercio Milano, Renato Borghi: «Ha prevalso il buon senso. Non si può pensare di rompere un equilibrio commerciale, in un momento di crisi economica come quello attuale, per fini esclusivamente immobiliari. Siamo soddisfatti perché – come abbiamo avuto modo di evidenziare – se si rispettano le regole i cosiddetti costi della sostenibilità e della compatibilità socio-economico-ambientale di un insediamento di tale portata non possono giustificarne l’interesse, soprattutto se collocato nei pressi di un parco naturale. Avevamo già predisposto tutta la documentazione legale per presentare ricorso al Tar».

7 giugno 2012 - Ampia partecipazione al cocktail che ha aperto i festeggiamenti per il 55° anniversario della Galleria Strasburgo, definita dagli organizzatori “La più bella galleria del ‘900 italiano”. L’evento, dopo l’aperitivo delle 18.30 e l’intrattenimento jazz del Trio Tomelleri, si è chiuso con la sfilata di moda mare organizzata da Deda Corti, Consigliere di FederModaMilano e titolare della boutique “Margherita”. Per Deda Corti: «Si tratta di un buon esempio di quello che potrebbero rappresentare i famosi “Giovedì di Milano”. Vogliamo credere, nonostante tutto, che Milano abbia ancora le sue nobili radici e l’evento è stato un omaggio alla nostra convinzione».

1 giugno 2012 - Milano si prepara ad ospitare il Santo Padre all

14 maggio 2012 - Si è riunita la Giunta di FedermodaMilano che ha esaminato alcuni aspetti che caratterizzano l’attività sindacale dell’associazione. Particolare attenzione è stata riservata all’accordo tra i vari Enti per la costituzione del Comitato preposto per l’organizzazione degli eventi che caratterizzeranno “I Giovedì di Milano”, la manifestazione dedicata allo shopping che vedrà il debutto il prossimo 7 giugno. La Giunta ha inoltre espresso parere favorevole all’ipotesi di sospensione del divieto di effettuare “vendite promozionali” nel periodo antecedente i saldi, ipotesi proposta dal Consiglio di Confcommercio Lombardia al nuovo Assessore alle attività produttive di Regione Lombardia Margherita Peroni per far fronte al perdurare della crisi dei consumi che sta mettendo a dura prova le nostre aziende. Alla luce dei recenti tragici episodi, la Giunta ha analizzato il problema relativo al rapporto fra i contribuenti ed Equitalia, un problema serio che merita molta attenzione e per il quale la Giunta si è impegnata a proporre alcune soluzioni per aiutare le aziende in difficoltà.

4 maggio 2012 - FederModaItaliaMilano ha avviato un nuovo servizio con “50&Più/ENASCO” (Ente Nazionale di Assistenza Sociale per i Commercianti) per fornire agli Associati e ai loro collaboratori una serie di servizi di natura previdenziale e fiscali, come ad esempio: verifica della posizione assicurativa INPS - controllo della posizione e dei contributi versati (estratto contributivo); individuazione dell'esatta data per il pensionamento; calcolo preventivo dell’importo della propria pensione; compilazione e trasmissione in via telematica all'Inps della domanda di pensione; domande di invalidità civile; invio telematico prestazioni di sostegno al reddito (maternità, disoccupazione, ect..); ogni pratica di natura previdenziale personale; compilazione delle dichiarazioni ISEE; gestione collaboratori domestici; dichiarazioni di successione; compilazione Modd. ICRIC / ICLAV / DETR / RED. Con questo servizio – fornito solo su appuntamento, direttamente presso gli Uffici di Milano, in Via Durini 14. nelle giornate di lunedì e venerdì di ogni settimana – FederModaMilano intende fornire un aiuto completo in materia previdenziale per inquadrare ogni problema che possa preoccupare per il futuro e/o per verificare quando usufruire al meglio di quanto già maturato in termini pensionistici.

Negozi tutti aperti incentro renato borghi

26 aprile 2012 - Lo avevamo detto al Comune che non potevamo garantire che i nostri associati sarebbero rimasti chiusi. Anche volendo, la normativa sulla concorrenza ci impedirebbe di mettere vincoli. Il Comune dovrebbe prendersela con la liberalizzazione varata dal governo. Dov'era Palazzo Marino quando noi protestavamo contro la nuova legge?.

i negozi di milano ignorano il comune e restano aperti renato borghi

25 aprile 2012 - Lo sappiamo, oggi molti negozi saranno aperti. Ma come associazione non possiamo in nessun modo impegnare i nostri iscritti a chiudere o aprire. Violeremmo le norme sulla concorrenza e saremmo sanzionati per questo. Certo, condividiamo un protocollo che riconosce l'opportunità di tenere chiuso in alcune festività, laiche e religiose. Ma ciascuno decide in libertà, non abbiamo mai detto che i nostri associati sarebbero rimasti chiusi. O si cambia legge o siamo impotenti.

negozi chiusi per le feste renato borghi

20 aprile 2012 -  NEGOZI CHIUSI PER LE FESTE - L'invito di Pisapia per 25 aprile e primo maggio. Celebrare le feste è un diritto, no all'apertura dei negozi. Per il vicepresidente di Confcommercio Renato Borghi: ma il problema è che bisogna dirlo a chi ha pensato di introdurre le deregulation totale con il decreto Salva Italia, che ha spazzato via regole e possibilità di programmazione.

20 aprile 2012 - FederModaItalia Milano, in collaborazione con la Direzione Formazione e Studi dell’Unione Confcommercio Milano, propone due corsi di formazione rivolti alle imprese Associate ed ai loro collaboratori sui seguenti temi: “La voce come strumento per creare emozioni e gestire positivamente le trattative” e “Groupon e il marketing locale: il digitale al servizio dei commercianti”. I corsi – gratuiti per le sole aziende Associate – si terranno a Milano ed avranno una durata di una giornata. Per ulteriori informazioni o per manifestare la propria pre-adesione la Direzione Formazione e Studi Unione Confcommercio Milano è disponibile al n. 02.7750.677/688 oppure via mail: iniziative.formazione@unione.milano.it

13 aprile 2012 - Il Presidente di FederModaItalia Milano, Renato Borghi ha commentato la costituzione di una task force della Polizia locale contro l’abusivismo: “Accogliamo con grande favore l’istituzione di una task force antiabusivismo da parte del Comune di Milano con la Polizia locale: l’abusivismo – e la contraffazione – sono un danno per le imprese e un crimine per la società ancor di più in un momento come questo di contrazione dei consumi, la concorrenza di un sistema fuori dalle regole fa sentire pesantemente i suoi effetti sulle attività commerciali”.

 

11 aprile 2012 - Renato Borghi sull'ipotesi avanzata da Altagamma di cogestire con il Comune la Galleria: "NO A UN'ISOLA FELICE PER LE CARTE PLATINO". La Galleria affidata all'alta moda? Non è un'offerta ma un'ipotesi di proposta. Il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia frena sulla lettera della Fondazione Altagamma che, con i suoi 71 marchi di prestigio, vorrebbe cogestire il Salotto dei milanesi insieme al Comune. Un "no" al progetto delle griffe arriva anche dal Presidente di Federazione Moda Italia, Renato Borghi: "Nonostante abbia a cuore i temi legati alla moda, l'ipotesi che la Galleria diventi un'altra isola felice delle carte platino non mi piace". 

NEGOZI CHIUSI, LA DEREGULATION NON DECOLLA renato borghi federmodamilano federazione moda italia

8 aprile 2012 - NEGOZI CHIUSI, LA DEREGULATION NON DECOLLA. Chi s'aspettava la rivoluzione e pronosticava un effetto a catena della legge «salva Italia» ha due giorni di ferie per ridimensionare la attese. Nessuna deregulation commerciale, infilate di serrande abbassate, la solita Milano semideserta nei giorni di festa: «Anche volessimo sollecitare le imprese, non potremmo più farlo - dice polemico Renato Borghi, presidente Federmoda -. Saremmo censurati dall'Antitrust. È una delle conseguenze negative della deregulation». Dal 23 marzo, in teoria, le botteghe non devono più rispettare vincoli di calendario e limiti d'orario. Sono libere e incontrollabili: «Non siamo più in grado di fare tabelle e programmare livelli di offerta minimi» protesta Borghi. Il Comune ha sollevato la questione al Tar, è stato sconfitto, ma sostiene e porta avanti (infastidendo e non poco i Radicali) una linea conservatrice contro la liberalizzazione commerciale di Monti.

20 marzo 2012 - Si è riunita la Giunta di FederModaMilano per esaminare, tra l’altro, la situazione venutasi a creare nel centro di Milano con l’attivazione della cosiddetta congestion charge “Area C”. Dopo aver preso visione dei dati sull’andamento dei consumi rilevati dalla Nielsen, la Giunta ha preso in considerazione la possibilità di proporre iniziative volte a sostenere e promuovere lo shopping all’interno della “Area C”. In particolare, si sta pensando ad un’azione di marketing territoriale coordinata con diverse categorie commerciali e pubblici esercizi in raccordo con altre iniziative promosse dal Comune di Milano.

16 marzo 2012 - Intervistato da Leggo, il Vice Presidente di Federazione Moda Italia Milano, Maurizio Di Rienzo, ha dichiarato di essere favorevole alla semplificazione dei controlli antievasione «soprattutto perché genera un forte impatto mediatico e, quindi, dovrebbe sensibilizzare i furbetti a rigare dritto. Sapere che è meno facile sgarrare può fungere da deterrente e quindi indurre i disonesti a mettersi in regola. Non capisco chi parla di accanimento e fa bene tutta quella gente che esige lo scontrino fiscale o la fattura». In merito alle richieste al governo in materia fiscale: «Sicuramente una riduzione del carico sulle nostre attività, accompagnata da una sburocratizzazione. Se a questo si aggiungesse un dialogo più snello e immediato con l’Agenzia delle Entrate, sarebbe ancora meglio». E sul cosiddetto bollino blu per identificare commercianti onesti: «Sono favorevolissimo a una sorta di patente fiscale. Mi piacerebbe vedere sulle vetrine dei negozi tante stelle a seconda dell’affidabilità, della qualità e dell’onestà, un po’ come accade per i ristoranti segnalati dalle guide. Il bollino ci darebbe un vantaggio competitivo sul mercato e potrebbe innescare un circolo virtuoso».

3 febbraio 2012 - I commercianti del centro di Milano si sono incontrati il 2 febbraio per una protesta contro il provvedimento del Comune che ha introdotto la “Area C” (l’area centrale del Comune di Milano in cui è previsto dal 16 gennaio 2012 un ticket di ingresso di 5 euro), colpevole di aver ridotto gli incassi anche, in alcuni casi del 50%. Ma non c’è solo la protesta; il commercio del centro si sta riorganizzando come riferisce il Presidente di FederModaItaliaMilano, Renato Borghi su il Corriere della Sera: «C’è anche chi ha inviato mail alla clientela più fedele per avvisare che si farà carico del pagamento del ticket. I negozi di abbigliamento sono interessati da una crisi straordinaria. Quanto dipende dalla congiuntura e quanto dall’Area C? Presto per fare stime. Ma il Comune non può rispondere con un comunicato come quello in cui si dice che a Londra e a Stoccolma il giro d’affari del commercio è aumentato del 4%. Noi non siamo a Londra. E detta così questa ha tutta l’aria di una provocazione».

area c milano renato borghi federazione moda italia

2 febbraio 2012 - COMPRI IN AREA C? IL TICKET LO PAGO IO. Il commercio del centro si sta riorganizzando. E qualcuno si inventa strategie per convincere i milanesi che fare acquisti sotto la madonnina conviene comunque. C' è anche chi ha inviato mail alla clientela più fedele per avvisare che si farà carico del pagamento del ticket», spiega Renato Borghi, presidente di Federmoda. Ma davvero le casse dei negozi piangono? «I negozi di abbigliamento sono interessati da una crisi straordinaria. Quanto dipende dalla congiuntura e quanto da Area C? Presto per fare stime. Ma il Comune non può rispondere con un comunicato come quello di oggi (ieri per chi legge, ndr ) in cui si dice che a Londra e a Stoccolma il giro d' affari del commercio è aumentato del 4%. Noi non siamo Londra. E detta così questa ha tutta l' aria di una provocazione»

24 gennaio 2012 - Il Consiglio Direttivo, riunitosi a Milano, il 20 gennaio 2012, nella sede liberty di Palazzo Castiglioni presso l’Unione Confcommercio Milano, ha riconfermato Renato Borghi alla carica di Presidente di FederModaItaliaMilano. Quattro i Vice Presidenti eletti che lo affiancheranno alla guida dell’Associazione milanese per il prossimo quadriennio: Leopoldo Capra (ingrosso tessile); Maurizio Di Rienzo (dettaglio pelletteria); Guido Orsi (dettaglio abbigliamento) e Francesco Ventura (dettaglio abbigliamento). Il Consiglio ha inoltre eletto membri di Giunta: Angelo Brignoli (dettaglio abbigliamento); Alessandro Prisco (dettaglio abbigliamento); Teresa Valcasara (dettaglio abbigliamento) e Paolo Zoboli (dettaglio pelletteria). Completano il quadro degli Organi sociali di FederModaItaliaMilano i Consiglieri: Rosangela Bistolfi (dettaglio abbigliamento); Antonino Caccamo (ingrosso tessile); Andrea Colzani (dettaglio calzature); Deda Corti (dettaglio abbigliamento/intimo); Roberto De Santis (dettaglio abbigliamento); Dario Fabris (ingrosso tessile); Luigi Ferrario (dettaglio abbigliamento); Enrica Lauro (dettaglio tessuti arredamento); Luca Livi (dettaglio abbigliamento); Vincenzo Luca (dettaglio calzature); Fereidoun Nassiri (dettaglio tappeti orientali); Stefano Paladini (dettaglio abbigliamento); Viviana Rosa (dettaglio abbigliamento); Flaminio Soncini (dettaglio abbigliamento); Andrea Toffoli (dettaglio mercerie specializzata); Angelo Valassina (dettaglio calzature). Il Collegio dei Revisori dei Conti è composto da: Sergio Pilon (Presidente del Collegio), Mara Pelizzoni (effettivo); Giordano Gambazza (effettivo) e Paolo Corlaita (supplente). Il Collegio dei Probiviri composto da Sergio Baccherini (Avvocato Foro di Milano – Presidente), Ivano Allegri e Fernando Gavezzotti.