Cromo

FEDERAZIONE MODA ITALIA POTENZA

PRESIDENTE DETTAGLIO TESSILE ABBIGLIAMENTO: ANGELO MIELE

C/O Confcommercio Potenza

Contrada Rio Freddo

85100 Potenza

NOTIZIE

14 dicembre 2012 - Il Presidente di Federazione Moda Italia di Potenza, Angelo Miele, conferma in un comunicato stampa ripreso dai media locali che i saldi in Basilicata inizieranno il 2 gennaio 2013: «Questa precisazione si rende necessaria anche per rispondere alle tante sollecitazioni e richieste di chiarimento, pervenute in questi giorni, da parte dei nostri associati e dei privati cittadini. Equivoci e confusioni in merito alla data di inizio dei saldi creano incertezze e disorientamento ad imprese e consumatori. I saldi invernali ed estivi, così come disciplinato dalla L. R. n. 19 del 20/07/1999 e modificata dalla L. R. n. 23 del 30/09/2008, possono essere effettuati in soli due periodi dell’anno e precisamente: dal 2 gennaio al 2 marzo (saldi invernali) e dal 2 luglio al 2 settembre (saldi estivi). Le eventuali modifiche (posticipazione o anticipazione) nella determinazione di detti periodi potranno intervenire in futuro soltanto attraverso apposita norma regionale».

30 aprile 2012 - Angelo Miele è stato eletto Presidente di Federazione Moda Italia di Potenza dall’assemblea dei soci riunitasi nel salone della Confcommercio Potenza. Del Consiglio direttivo fanno parte: Prospero Mele, Massimo Celoro, Antonio Sorrentino, Giuseppe Cirone, Antonio Iovino, Raffaele Valente, Rocco Furone e Alessandro Petilli. Per il Presidente di Federazione Moda Italia Angelo Miele: «Sostenere concretamente il settore e gli imprenditori che ne fanno parte, in un momento di particolare difficoltà, come quello attuale, è l’obiettivo principale che ci poniamo. Per fare ciò è necessario comunque un coinvolgimento di tutti gli attori del territorio ed una partecipazione delle istituzioni governative che devono fornire tutti gli incentivi politici per valorizzare i talenti presenti. Solo in questo modo si può riuscire a creare una nuova idea di economia e società che coniughi la cultura dello sviluppo, basata sulla qualità delle relazioni e delle produzioni, la cultura dell’ambiente, la cultura della responsabilità sociale, per affermare la nostra provincia sullo scenario globale come un avanzato, attrattivo e suggestivo network delle qualità».